Saturday, November 14, 2009 , 20.11

ce ne siamo liberati

a bocce ferme possiamo finalmente tirare un piccolo, quasi impercettibile sospiro di sollievo per uno degli eventi più attesi dall’autore di questo blog: la scomparsa di alda merini.

prima di tutto siamo sollevati perchè la merini non scriverà più. la merini è stata uno dei più limpidi esempi della cattiva cultura letteraria in italia. ovviamente di pessima letteratura scoppia tutto il globo terracqueo, e la merini, sebbene al massimo possa aspirare a un’opaca mediocrità, non era peggio o meglio di mille altri anonimi. e allora perchè? ci arriviamo subito.

fa comunque parte della mia stupidità insistere nello stupirmi per il fatto che venga ritenuta una “grande poetessa del novecento” (quindi alla pari con gente come Zanzotto, De Angelis, Sanguineti, Montale) qualcuna che ha avuto il coraggio fino a poco prima di morire di buttare in giro cose completamente grottesche e penose come una poesia in memoria di mike bongiorno. ma per capire il vero seguito della povera alda basta vedere i nomi di chi la voleva premio nobel: Rocco Buttiglione, Paolo Bonolis, Lucio Dalla e Monsignor Brambilla di San Simpliciano.

ma alda merini, questo è il problema, è stata soprattutto una delle icone di quel pozzo caramelloso e disgraziatamente adolescenziale in cui si incista tanta letteratura negli ultimi 50 anni. quel mondo fatto di eterni studenti che non hanno mai letto Dante o Musil ma si sentono colti perchè leggono Palahniuk. quel mondo, figlio del mai troppo maledetto romanticismo, che crede che basti essere un po’ mattacchioni, avere qualche brutta esperienza con la psichiatria old school, buttare giù qualche verso a caso e infine (essenziale) trovare gli amici del circoletto di simpatia giusti perchè si possa essere Grandi Artisti. il risultato tangibile di tale grottesco attention whorismo è penoso più per la povera defunta pseudopoetessa che altro: le testimonianze della merini sono cose come blog-tributo degni del cottolengo, giornali in estasi perchè la merini scriveva sui muri ; la merini nuda fiera del suo essere un’inguardabile vecchia boda sudata (operazione a cui classicamente segue borborigma su la poesia il corpo blablabla).

scrivere, anche scrivere poesie, non è una cosa banale, ma è amaramente banalizzata (del resto è anche colpa mia, io sono qui, scrivo, e non dovrei, probabilmente). la poesia, che fu un tempo la letteratura per eccellenza, è tragicamente diventata nel dopoguerra una subculture non diversa da quella dei rappers o dei collezionisti di piatti del buon ricordo. incapace ormai di dipingere cosmogonie, di fare alcunchè che non sia guardarsi l’ombelico e organizzare senili, vuote, tristi premiazioni reciproche.

è probabile che il problema della poesia siano i poeti. il termine poeta -che giustamente crea brividi e imbarazzo ai più- andrebbe abolito. andrebbe legislato che tutte le poesie debbano essere depositate in forma rigorosamente anonima, pubblicate in sillogi casuali stampate su carta grigia, distribuite gratuitamente su autobus e treni, con minimo 10 anni di ritardo dal deposito. solo allora riacquisterebbe un senso, una preziosità.

“I poeti, che brutte creature / Ogni volta che parlano è una truffa”



57 Comments

  1. Dovrebbe essere “[Mussolini ha scritto anche poesie]. I poeti, che strane creature…”. Ma la licenza corrobora il concetto.

    Comment by Eotvos — 14 November , 2009 @ 22:15
  2. benissimo.
    solo un appunto: il romanticismo è stato anche altro che un’esaltazione naif.
    e comunque, che la merini valga quanto zanzotto mi pare lo pensino appunto solo i bonolis e i buttiglione.

    Comment by dostoyankee — 14 November , 2009 @ 22:39
  3. solo un appunto: il romanticismo è stato anche altro che un’esaltazione naif

    lo so bene.
    il problema è che da lì in poi è stata data la legittimazione definitiva al ciarpame. i romantici erano una cosa, l’effetto del romanticismo è un’altra cosa.

    eotvos: la lectio più diffusa è “i poeti che brutte creature”, ed effettivamente a me la canzone suona così.

    Comment by brullonulla — 14 November , 2009 @ 23:32
  4. “Brutte creature” è nella versione pubblicata da De Gregori su Rimmel. In quella di De André, che è la prima versione uscita, è “Strane”.

    Che infatti mi piace di più (Strane–>Truffa, ha un altro peso).

    Chapeau, comunque, un post che è come liberare piattole nel boschetto dei pazienti di un gerontocomio.

    Comment by Woland — 15 November , 2009 @ 02:56
  5. “Brutte creature” è nella versione pubblicata da De Gregori su Rimmel. In quella di De André, che è la prima versione uscita, è “Strane”.

    ok, io ricordavo la versione di de gregori. confesso di non conoscere quella di de andrè, ma sto wikipediando e rimedierò.

    Chapeau, comunque, un post che è come liberare piattole nel boschetto dei pazienti di un gerontocomio.

    ahahah se è un insulto, mi piace perchè è creativo.

    Comment by brullonulla — 15 November , 2009 @ 03:47
  6. …ti rode il culo perchè le tue poesie fanno cagare, vero?

    Comment by Claudio — 15 November , 2009 @ 18:50
  7. legislato fa cagare

    Comment by fas — 15 November , 2009 @ 19:21
  8. …ti rode il culo perchè le tue poesie fanno cagare, vero?

    in effetti fanno cagare: ma sicuramente meno di quelle della merini. (ma a differenza della merini ho una dignità: evito di recitarle in pubblico, di mettermi nudo sulle copertine dei cd e tengo i miei muri puliti)

    legislato fa cagare

    probabilmente hai ragione, ma lo tengo.

    Comment by brullonulla — 15 November , 2009 @ 19:32
  9. ahah i piatti del buon ricordo. li voglio!
    ciao brullo

    Comment by pacciani — 15 November , 2009 @ 20:15
  10. apprendo solo ora della morte di mike bongiorno.

    di certo non sono in grado di misurare il valore della poesia, ma per certo la merini ha scritto pagine di prosa bellissima che hanno saputo arricchirmi e farmela apprezzare. peccato non le abbia lette quasi nessuno.
    del resto, è oramai noto che la cultura si formi tramite wikipedia.

    mi spiace che negli ultimi sia diventata un po’ fenomeno di costume. questo l’ha sicuramente esposta a delle cadute di stile (che tutti hanno, ma che non sempre vengono pubblicizzate) e ha fatto anche in modo che la sua memoria venisse lordata con un post come questo (e chissà quanti altri).

    nessuno ha colpa del seguito che si ritrova (neanche De Andrè)

    lo sai che il mio blog ha un mese in più del tuo? forse lo riaprirò.

    Comment by kela — 15 November , 2009 @ 21:52
  11. apprendo solo ora della morte di mike bongiorno.

    EH?

    Comment by brullonulla — 15 November , 2009 @ 22:00
  12. ma per certo la merini ha scritto pagine di prosa bellissima che hanno saputo arricchirmi e farmela apprezzare. peccato non le abbia lette quasi nessuno.

    interessante. esempi? titoli?

    nessuno ha colpa del seguito che si ritrova

    stronzate. il seguito te lo costruisci, se vuoi, e la merini si è costruita un seguito e una vaga credibilità assolutamente scientemente. la merini sguazzava nell’esposizione mediatica, basta vedere il suo sito internet per rendersene conto.

    Comment by brullonulla — 15 November , 2009 @ 22:04
  13. interessante. esempi? titoli?

    l’altra verità. diario di una diversa.

    la merini si è costruita un seguito e una vaga credibilità assolutamente scientemente.

    secondo me, visti i farmaci che si prendeva, deve esserci stato almeno qualche frangente in cui non tutto quello che le passava tra le mani veniva costruito scientemente.

    la merini sguazzava nell’esposizione mediatica, basta vedere il suo sito internet per rendersene conto.

    sito internet comparso dopo la sua collaborazione con milva (casualmente quando ho smesso di seguirla).
    la merini era una donna anziana, che ha trascorso gran parte della vita in solitudine, tra gli stenti e subendo grandi violenze.
    non mi sento di biasimarla se negli ultimi anni della sua vita ha “sguazzato” nelle attenzioni, non gratuite, riservatele da alcuni.

    Comment by kela — 16 November , 2009 @ 00:19

  14. la merini era una donna anziana, che ha trascorso gran parte della vita in solitudine, tra gli stenti e subendo grandi violenze.
    non mi sento di biasimarla se negli ultimi anni della sua vita ha “sguazzato” nelle attenzioni, non gratuite, riservatele da alcuni.

    ma infatti io non ce l’ho con lei, povera donna.
    ce l’ho con il resto del mondo.
    andandosene, ha smesso di soffrire lei, e abbiamo smesso di soffrire noi.

    Comment by brullonulla — 16 November , 2009 @ 03:20
  15. vekkio e stanco

    Comment by ziotron — 16 November , 2009 @ 11:25
  16. dici così perché non hai mai visto questo: http://www.amctv.com/originals/the-prisoner/graphic-novel/

    Comment by sraule — 16 November , 2009 @ 11:37
  17. non ò capito cosa c’entri.

    Comment by brullonulla — 16 November , 2009 @ 14:53
  18. che nell’universo alberga ben altro orrore.

    Comment by sraule — 16 November , 2009 @ 15:51
  19. ma dal trailer non si capisce.

    Comment by brullonulla — 16 November , 2009 @ 16:28
  20. e con questo ti linko (ho letto su phonkmeister che linkare è tornato di moda)

    Comment by sarmigezetusa — 16 November , 2009 @ 17:55
  21. ah! quello non è un trailer. quello è UN graphic novel per il web.
    e anche l’orrore fattosi pixel.

    Comment by sraule — 16 November , 2009 @ 18:20
  22. Non mi piace il noi, a nome di chi parli?

    plurale majestatis.

    Abbastanza provocatorio e cinico da sembrare falso, il salmone va controcorrente per sua natura e tu non sembri un pesce, quindi secondo me ti piace moltissimo lo scrivere, definiscilo pure tu tecnicamente, di Alda Merini.

    guarda, no.
    veramente, no.
    non c’è niente di falso in ciò che ho scritto.
    alda merini povera donna scriveva delle poesie di merda ed era diventata, un po’ suo malgrado un po’ no, un personaggio imbarazzante.
    that’s it.
    e no, insisto, la scrittura della merini mi disgusta.

    A me piace molto come scrivi.

    grazie, ma probabilmente è solo perchè la interpreti a cazzo campana (vedi sopra).

    e con questo ti linko (ho letto su phonkmeister che linkare è tornato di moda)

    ahahahah. vedo che hai pubblicato un romanzo sui gggiovani che si dddroggano, il che meriterebbe strali che altro che alda merini, ma per fortuna non ne vedo stralci online quindi posso tapparmi gli occhi e accettare il tuo link di buon grado. sappi, però, che non lo leggerò mai.

    sraule: ah. beh, se quello È il fumetto, sì, fa cagarone a vederlo così.

    Comment by brullonulla — 16 November , 2009 @ 19:13
  23. In ogni caso mi sembrava troppo cinico per essere vero

    non capisco cosa ci sia di cinico nel farmi piacere la bella letteratura e nel non apprezzare la brutta letteratura, e nel continuare inutilmente a scandalizzarsi quando quest’ultima diventa fenomeno di costume.

    se ci pensi è una delle cose più ingenue e sentimentali che ci possano essere.

    Comment by brullonulla — 17 November , 2009 @ 12:11
  24. affrontare quella che è semplice realtà in modo diretto, vero e sprezzante, per me è cinico

    questa frase è inquietante.
    non capisco se sarebbe cinico perché vero o vero perché sprezzante. che la merini facesse schifo è un giudizio in teoria opinabile, ma dire che è vero perché cattivo e cinico perché vero sembra un processo di autosuggestione. fa schifo o no? cos’è cinico? e che importa come e quando viene detto?

    Comment by dostoyankee — 17 November , 2009 @ 21:02
  25. Va benissimo se leggerai il prossimo, su adulti che non si drogano (se non in una scena, e quasi per caso) e che è scritto tanto bene da stare al riparo dai tuoi strali. Ti aspetto al varco nudo e sudato come una bodda.

    Comment by sarmigezetusa — 18 November , 2009 @ 02:28
  26. tu me lo mandi, e io lo recensisco (nudo e sudato) in assoluta sincerità: se è figo è figo, se FAIL è FAIL. ci stai?

    sappi che però io ho un pessimo rapporto, statisticamente, con la narrativa post-1970.

    Comment by brullonulla — 18 November , 2009 @ 12:08
  27. Vai! Però a far così mi troverei semplicemente a regalarti un libro a mie spese (il numero di copie gratis che gli editori ci danno sono MOLTO meno di quelle che si crede).
    Facciamo quindi cosà: quando esce (mancano ancora molti mesi) tu lo compri; poi se è FAIL te lo rimborso (se non è FAIL hai comprato un buon libro e quindi va tutto bene).

    Comment by sarmizegetusa — 19 November , 2009 @ 18:52
  28. sarmize, siamo figli del duemila, esiste il formato pdf.

    Comment by brullonulla — 19 November , 2009 @ 21:21
  29. Studi accreditati dimostrano che un libro letto in PDF (anche con kindle) viene sempre valutato una stellina meno di uno letto nel bel formato cartaceo con copertina e tutto. E visto che già sei di bocca poco bona non posso correre anche questo rischio.

    Comment by sarmizegetusa — 19 November , 2009 @ 22:34
  30. dimentichi che lavorare in un’università significa accesso illimitato a stampanti laser a tutti gli orari.

    Comment by brullonulla — 20 November , 2009 @ 00:27
  31. a proposito di kindle… il natale si avvicina e c’è chi brama le nuove tecnologie letterarie…

    vabbe’, come non detto. kindle mi attrae e mi respinge al tempo stesso. mi attrae l’enorme quantità di libri che potrei procurarmi, mi respinge l’immensa quantità di denaro che finirei per devolvere ad amazon.

    Comment by sraule — 20 November , 2009 @ 14:22
  32. che palle la letteratura, parlaci delle proteine!

    Comment by jonsi — 20 November , 2009 @ 16:16
  33. sraule: i lettori tipo kindle che ho visto io FANNO CAGARE TORRI DI BRAHMA QUADRIDIMENSIONALI RIPIENE DI NEGRI, ma veramente forte. e da quello che ho sentito il kindle nuovo non è ancora ok, nel senso che il refresh è ancora orrendo e l’e-paper ha ancora quel coloraccio grigio-tristezza che.

    costasse 50 £ lo prenderei, ma mi pare ne costi di più. e poi vorrei poterci caricare i PDF.

    jonsi: no, ti prego, non faccio altro tutti i giorni, anche qua sul blog le proteine no.

    Comment by brullonulla — 21 November , 2009 @ 03:14
  34. http://digilander.libero.it/ccalbatross/poesia/magrelli/intervista.htm

    Comment by ehnoniente — 21 November , 2009 @ 12:53
  35. E anche (e poi la smetto):

    http://www.ilportoritrovato.net/html/biblioszymborska9.html

    Comment by ehnoniente — 21 November , 2009 @ 12:55
  36. ma a quanto ne so CI SI POSSONO caricare i pdf

    Comment by sraule — 21 November , 2009 @ 15:45
  37. si può? avevo capito di no.

    Comment by brullonulla — 21 November , 2009 @ 20:05
  38. wikipedia mi dà parzialmente ragione.

    Comment by brullonulla — 21 November , 2009 @ 20:06
  39. oh.
    io mi ero gasata qua: http://secondopiano.altervista.org/2009/11/09/sette-giorni-dopo-reazioni/

    Comment by sraule — 22 November , 2009 @ 13:15
  40. no ma concettualmente è un oggetto fighissimo, solo che tecnologicamente mi paiono ancora un po’ indietro. io ho visto degli ebook reader qua in uk, e mi hanno lasciato un po’ con la sensazione “se me lo regalano ok ma comprarlo, boh.”

    Comment by brullonulla — 22 November , 2009 @ 17:20
  41. Brullo, era un vividissimo complimento (vedi sopra). Tanto che ora che rimettevo un po’ a posto il template ti stavo linkando e blogrollando, figurati.

    Comment by Woland — 22 November , 2009 @ 21:13
  42. il fatto è che
    lo.
    voglio.

    è un po’ come il lato oscuro della forza… malvagio ma attraente.

    Comment by sraule — 22 November , 2009 @ 22:55
  43. woland: grazie
    raule: se lo prendi fammi sapere così ho qualcuno che mi dà una recensione di prima mano.

    l’importante è che non mi consigli MAI PIÙ un cellulare!

    Comment by brullonulla — 22 November , 2009 @ 23:08
  44. cosa ti sei preso, non dirmi l’iphone per favore

    Comment by jonsi — 23 November , 2009 @ 01:25
  45. no no, mi riferivo a un antico episodio.

    Comment by brullonulla — 23 November , 2009 @ 02:26
  46. dai minkia nn scrivi più niente

    Comment by pippolo — 29 November , 2009 @ 23:18
  47. ecco, siamo al completo. karate kid con i negri.
    http://trovacinema.repubblica.it:80/multimedia/divi/karate-kid-le-prime-foto-del-remake/21897500/1/1

    Comment by mah — 1 December , 2009 @ 18:04
  48. Perché jonsi, scusa, se fosse l’iphone?

    Comment by HKD — 3 December , 2009 @ 00:06
  49. F-F-F-FIGHT!

    Comment by brullonulla — 3 December , 2009 @ 17:48
  50. col cazzo.

    Comment by jonsi — 3 December , 2009 @ 19:41
  51. Meno male che qualcuno se n’è accorto

    Comment by Cryserica — 4 December , 2009 @ 02:09
  52. è ora di rimediare
    http://www.photoanon.com/viewer.php?file=3vaxzl2wbyw0731bivfw.png

    Comment by hullabulla — 6 December , 2009 @ 01:44
  53. BULLA HULLA nuovo nome.

    Comment by brullonulla — 9 December , 2009 @ 01:06

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

This work is licensed under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-Share Alike 3.0 Unported License.
(c) 2020 brullonulla | powered by WordPress with Barecity