Monday, April 13, 2009 , 19.55

i won’t go without a fight

la mancanza di connessione internet e il culo da farsi qui in dipartimento rendono difficile postare. in attesa del resoconto del secondo round, vi invito a unirvi a me in memoria di donald joyce, eroe di cambridge del 2009.

chiamato dai giornali locali the neighbour from hell, donald joyce era la quintessenza del vicino pazzoide e rompicoglioni. parzialmente cieco e semiparalizzato, nonostante cio` si onorava di filmare ossessivamente i vicini, attaccare ai muri esterni poster imbarazzanti e offensivi, innaffiare i vicini dal giardino e piazzarsi con la sedia a rotelle davanti agli autobus in mezzo alla strada.

degno erede del peggiore degli Anacleto Mitraglia, invitato dal comune a mollare la casa popolare in cui risiedeva a causa delle continue rimostranze dei vicini, sibilo` a un conoscente “non me ne andro` senza lottare”.

pochi giorni dopo, donald joyce, martire della suprema causa del rompere il cazzo al prossimo, si fa saltare in aria riducendo la casa in cenere e macerie. l’hanno identificato dai reperti dentali, per dire com’era conciato.

donald joyce e` morto da eroe, rivelando col suo estremo sacrificio che dietro i pettinatissimi giardinetti, i negozi di frullatini biologici e gli studenti sulle biciclettine anche in questa umida pleasantville del te` coi biscottini ci sono i mostri, l’abisso, la solitudine e la morte. donald joyce, hai portato la spezia a cambridge, la tua morte non e` stata vana.



This work is licensed under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-Share Alike 3.0 Unported License.
(c) 2014 brullonulla | powered by WordPress with Barecity