Le stagioni di Artavazd Pelechian

Le stagioni di Artavazd Pelechian (1972) part 1part 2part 3

Questa è la versione originale, quella con le musiche di Vivaldi, ed è un capolavoro. Ma ne esistono due versioni più recenti, una musicata da Gavino Murgia e una da Arnaldo Pontis. Sulla prima purtroppo credo sia assolutamente impossibile trovare una testimonianza, se non nel ricordo di chi ha assistito all’esibizione durante il Babel Festival di Cagliari dell’anno scorso. Invece per quanto riguarda la seconda, quella di Arnaldo Pontis, è possibile visionarla unicamente presso la sede della Cineteca Sarda, quindi diciamo che è solo leggermente meno introvabile della prima. Ed è un peccato, perché è assolutamente magnifica, principalmente elettronica, con loop di cori armeni, canti gutturali manipolati, parti alla Popol Vuh e un finale praticamente post-rock che si combina alla perfezione con la lotta tra uomo e natura e il continuo susseguirsi di intemperie, scivolate, pendii, rapide e “vita in tumulto” del corto di Pelechian. Il finale in particolare, con i pastori armeni che scivolano in una scarpata abbracciati alle pecore (a quanto pare una versione particolarmente spettacolare della transumanza) è immediatamente diventata una delle mie combinazioni suono-immagine preferite in assoluto, dritta in classifica con il volo di Steiner musicato dai Popol Vuh. Mi sembra di capire che Arnaldo Pontis sia noto anche come Magnetica Ars Lab, che segnalo volentieri anche perché mette a disposizione gratuitamente la propria musica.

11 cose sull'European Jazz Expo Festival

JazzHandsCat2
sono stato al jazz expo 2009 di cagliari, non ho visto marcus miller ma ho comunque sentito un po’ di musica, quindi ecco le mie considerazioni in un comodo elenco numerato. il post contiene anche mp3, gossip, misteri e Petra Magoni nuda. jazz hands!

Continua a leggere 11 cose sull'European Jazz Expo Festival

Voches & Sonos de su mundu: Jimi Hendrix, Nguyen Le, Gavino Murgia, Elena Ledda, Cuncordu e Tenore de Orosei, ecc. ecc.

oro666

chiamatela fusion, chiamatela world music, comunque per due giorni di canto a tenore, jazz, rock psichedelico, musica etnica non si sa con esattezza di quale etnia, e jimi hendrix valeva la pena di arrivare fino a orosei, a prescindere da dove si partiva. Continua a leggere Voches & Sonos de su mundu: Jimi Hendrix, Nguyen Le, Gavino Murgia, Elena Ledda, Cuncordu e Tenore de Orosei, ecc. ecc.

Abba s'abba – concerto di Gavino Murgia dedicato all'acqua

murgia-acqua

concerto di Gavino Murgia con l’enigmatico Beppe Dettori, Marcello Peghin alle chitarre, Salvatore Maltana al contrabbasso, Alessandro Garau alla batteria e Giacomo Verde alla video-art (creava live delle bellissime immagini che venivano proiettate alle spalle dei musicisti). in più featuring della voce recitante gianni cossu, i tenores goine di nuoro e il rapper momak dei menhir che ha cantato un pezzo rap con gavino murgia, ormai sperimentatore senza confini.

lo spettacolo era dedicato all’acqua (s’abba) in occasione della nascita della Carta fondamentale dell’acqua in Sardegna, ispirata al Manifesto mondiale dell’acqua di Lisbona, e si è tenuto venerdì 12 giugno 2009 a paulilatino, in un teatro piccolo ma bello, circondato dalle pietre sonore dell’artista pinuccio sciola, sculture di pietra che producono un magico suono liquido. il fatto che dalla pietra venisse fuori il suono dell’acqua dava un senso particolare alla serata.

prossima data: 19 giugno 2009 a valledoria, sassari.