Le capre sugli alberi potrebbero mangiarsi ogni foglia

capre sugli alberi marocco

Mentre Yahoo sembra essere al secondo posto tra i siti dalla maggiore influenza in occidente, e Google ha appena manifestato il suo primo tilt nel servizio agli utenti (anche se in realtà Google sembra essere stazionario nei ricavi dalla pubblicità, dopo l’immensa scalata degli ultimi anni), in realtà mi accorgo della scarsità di fantasia nell’indicizzazione da parte dello stesso Yahoo che sembra dare rilevanza spropositata alla composizione delle URL piuttosto che proporre risultati alternativi in funzione dell’analisi dei relativi nella matrice dei link sul database. Anche se è assurdo parlare di database.

Mentre Google sembra dare troppo ascolto e addirittura supportare l’ottimizzazione per i motori di ricerca (con strumenti come Webmaster tools prima di tutto) è come se stessero provando a dimostrare che il conflitto d’interessi su internet è risolvibile. Forse perchè infinito (la dimensione dello spazio sul web) è divisibile per un numero umanamente percepibile grazie al travaso dei significati nelle famiglie di keywords.

Con tutti questi pensieri in testa Guido mi ha proposto un redesign per il logo di GoatSEO, e inizio a sentirmi infinitamente inutile al cospetto di grandezze come quelle di Gavino e Godard (pochi secondi di :deep: mi hanno ricordato un esperimento fatto con l’armonica qualche anno fa, esperimenti poi tragicamente abbandonati in funzione della ricerca di feedback su altre sponde, ricerca che ha dato frutti solo nell’ottimizzazione dei motori di ricerca).

Resta una bella sfida capire verso quale ricetta della fantasia si spingerà il prossimo algoritmo di Google, dato che quelli scorsi sembrano aver avuto un effetto collaterale nel gigantesco accesso alle informazioni che poi è stato ingrato verso chi le ha fornite. Dare i dati, condividere la conoscenza è una cosa, fornire risorse utili un’altra, e fidelizzare la clientela un’altra cosa ancora.

Piaciuto l'articolo? Ricevi un'email quando scriverò ancora (circa 2-3 all'anno)

potrebbe interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *