la fortuna: la macchina di scanalatura

quando ero piccolo e andavo al bar di Tabiano di nascosto per giocare ai videogiochi, di solito incontravo i “grandi” ovvero quelli che ai tempi avevano 16 anni e avevano già la barba (notare che io non cel’ho ancora a 27 anni) e che insomma erano più bravi di me, di solito.

dico di solito perchè a me piaceva giocare ai videogiochi proprio perchè riuscivo a battere i grandi qualche volta, per quell’epoca erano soddisfazioni incredibili. Si parla della prima edizione di streetfighter, e poi di SF2-1/2.

Il mio primo contatto con la fortuna è stato quando uno di questi grandi ha perso una partita al suo sparatutto preferito (che forse era Parodius) ed essendoci io lì vicino mi ha detto “ah!! mi hai fatto perdere! ma tu porti sfiga! nano di merda!

L’ambiente del bar non era molto amichevole. Comunque ho imparato questa cosa nuova, che io potevo portare sfiga e che ero, appunto, un nano di merda.

Alcuni anni a seguire, in un negozio di giocattoli di Salsomaggiore ho trovato una piccola slot machine di plastica (che oggi alcuni traduttori chiamano “macchina di scanalatura“) con la quale potevo vincere l’esatto importo che introducevo nella parte superiore, ogni volta che usciva 777 o BAR BAR BAR.

Quello è stato il mio primo incontro con la superstizione, pensavo ok, vado a fare i compiti se esce 777. tiravo la leva, e non usciva, allora andavo a giocare coi videogiochi. Poi, quando mi stancavo dei videogiochi dicevo ok, se esce 777 vado a giocare coi videogiochi, non usciva, e stavo a tirare la leva fino a quando usciva. Poi andavo a giocare coi videogiochi (sempre per battere i grandi).

Poi è arrivata l’epoca delle ragazze, e fin da subito mi riusciva facile essere super-trasparente nei sentimenti miei verso di loro. Sentimenti spesso controversi e burrascosi. A quel punto, dopo aver piantato un bel casino emotivo pensavo ok, se mi ama, mi ritelefona, con un procedimento mentale simile a quello della slot machine.

a seguire anni di storia che tutti conosciamo, e che non sto qui a ri-raccontare.

slot machine statistica vincite

l’incubo delle slot machines e credere di vincere

Per tutti i curiosi delle probabilità di vincita con le slot machines, sarebbe meglio parlare di probabilità di sconfitta, dato che più si gioca più si va verso la certezza di perdere ogni soldo “scommesso”.

PS. ho scritto anche un brano dedicato alle bugie ed alle scuse dei giocatori d’azzardo, che ignorano volontariamente quell’unico momento in cui per vincere sarebbe necessario smettere di giocare.

Piaciuto l'articolo? Ricevi un'email quando scriverò ancora (circa 2-3 all'anno)

potrebbe interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *