Trascendentale - Notizie dal mondo
 ARCHIVIO | CRONACA | STORIA | SCIENZA | ATTUALITA' | ALIENI | PADRE PIO | NANI | LITTLE TONY | INCHIESTE



TORINO – Non solo negli studi Mediaset ma anche negli scantinati e nelle biblioteche delle Università italiane si annidano incredibili tesori. L’ultima conferma arriva dall’ateneo di Torino, facoltà di Medicina. Frugando fra provette, alambicchi e barattoli anneriti dalla polvere, il dottor Erminio Pistacchi, assistente alla cattedra di Endocrinologia Comparata U-Z, ha rinvenuto un esemplare mai visto prima.

La stupefacente scoperta del dottor Pistacchi è il corpo perfettamente conservato di un Bambino Pesce, immerso in un barattolo di formalina risalente agli anni settanta dello scorso secolo!

In queste ore la comunità scientifica internazionale si sta alacremente interrogando: come è pensabile che un semplice essere umano, seppur morto, possa galleggiare per oltre trent’anni in un barattolo di formalina?

“E’ chiaro che ci troviamo dinanzi ad una strana, nuova e per certi versi misteriosa specie animale”, ha detto eccitato il dottor Pistacchi. “Quello che è apparentemente un cucciolo di essere umano, dato l’habitat in cui è stato rinvenuto (il barattolo di formalina n.d.r.) va considerato secondo categorie del tutto nuove. Con ogni probabilità ci troviamo dinanzi al leggendario Bambino Pesce.”

Troverebbe dunque una provvidenziale conferma la nota leggenda italiana del Bambino Pesce, ritenuta fino ad oggi una semplice favola per bambini. Fioccano a questo punto gli interrogativi.

Qual è la provenienza del misterioso reperto? Esistono, in giro per le acque nazionali, altri esemplari o addirittura intere comunità di Bambini Pesci? Aveva dunque ragione Calogero Montagnese, il pescatore di Porto Empedolche che vive da cinquant’anni in un manicomio criminale perché sostenne un giorno di aver visto impigliato nella propria rete un orripilante Bambino Pesce?

Trascendentale, come sempre, si riserva di relazionarvi sugli sconcertanti sviluppi futuri della vicenda.

    7 marzo 2007