Trascendentale - Notizie dal mondo
 ARCHIVIO | CRONACA | STORIA | SCIENZA | ATTUALITA' | ALIENI | PADRE PIO | NANI | LITTLE TONY | INCHIESTE



CAGLIARI – È un meraviglioso regalo e un’occasione irrinunciabile quella che Trascendentale offre ai propri amati lettori, ai fedeli della Parola di Cristo e soprattutto ai figli della Chiesa cattolica, santa e benedetta. Sono passati più di duemila anni ma le parole del Signore, nonostante le continue sciagure che mettono a repentaglio la speranza dei giusti di cuore, continuano a incoraggiare le buone e generose disposizioni dei suoi figli prediletti che attendono il Momento del Ritorno con grande fiducia ed enorme gioia. Momento che sembra ormai imminente.

Già, diranno i più deboli e impazienti fra voi, ma quanto manca ancora? In passato bastava dire “presto” – senza specificare una data, come fa Gesù nei testi sacri – perché duemila anni passassero senza che quasi ce ne accorgessimo. Ma ora la vita si è fatta più veloce e fitta di impegni: la gente ha mille grilli per la testa, cose da fare, posti dove andare e gente da incontrare. Pretende una data e un orario.

È per questo motivo che il signor Virgilio Muscas, 69enne di Cagliari, ex ferroviere appassionato di matematica, occultismo e religione, nonché abile pescatore, ha deciso di calcolare con esattezza scientifica il Ritorno di Cristo. “Mi ci sono voluti circa cinque anni” spiega lo studioso. “Come i cinque pani con i quali Gesù ha sfamato cinquemila persone. Ma alla fine ci sono riuscito, e senza ausilio di diavolerie moderne come i calcolatori, ma in modo semplice, proprio come avrebbe voluto Lui.”

Il signor Muscas ha quasi perso il senno dietro a calcoli aritmetici che farebbero girare la testa a chiunque e che per ovvi motivi non può divulgare. “Tanto sarebbero in pochi a capirli”, spiega dalla sua spartana sala da pranzo adibita a studio, ormai completamente tappezzata di fogli con misteriosi calcoli matematici e crocefissi.

Sfruttando anche le sue indubbie doti di ferroviere (“Sapevo tutti gli orari, tutte le coincidenze, e non sbagliavo mai!” spiega, e gli ex colleghi, tutti tranne uno, confermano) ha studiato a fondo i testi sacri, riga per riga, fino alle righe meno conosciute anche tra i grandi teologi, avvalendosi dell’aritmetica, dell’algebra e di un pendolino magico, al fine di calcolare la data e l’orario esatto del ritorno di Gesù. Avete capito bene. Un anno, un mese, un giorno e un’ora precisa. E da brav’uomo quale è, ha deciso di divulgare la preziosa informazione, ritenendo degno di questo compito solo il nostro giornale, di cui è da tempo un affezionato lettore.

“Ormai ho quasi 70 anni” spiega. “Settanta, come i discepoli di Gesù. E non posso morire senza far sapere al mondo la data e l’ora del ritorno tanto atteso. Qualche anno fa, quando è morta mia moglie – pace all’anima sua – avevo quasi deciso di rinunziarvi, ma poi è arrivato un inaspettato segnale dall’America del Sud che mi ha spinto a continuare”.

Nel 2007, come i nostri lettori più informati sicuramente ricorderanno, è nata a Rio De Janeiro una bambina apparentemente normale, ma con le mani giunte in preghiera, dettaglio che obbligò i dottori a un delicato intervento di disgiunzione delle mani. Ma una volta conclusa l’operazione, i dottori notarono una scritta sul palmo della bambina. La scritta diceva: “Gesù sta tornando”.

Fu questa storia sconvolgente a spronare l’ex ferroviere a continuare nelle sue ricerche. “Un segno così chiaro non poteva che significare che il Momento era ormai prossimo, molto molto prossimo…” dice sornione il signor Muscas, non lasciando trapelare di più. Lo studioso ha deciso infatti di rivelare la data e l’ora del ritorno di Cristo solo ed esclusivamente ai primi 50 lettori del nostro giornale che si metteranno in contatto con la redazione.

Quindi, cari lettori, se siete interessati, se anche voi volete sapere con precisione in che anno, mese, giorno e ora Gesù Cristo, il Salvatore Figlio di Dio, farà il suo ritorno sul nostro pianeta – per liberarvi di impegni meno importanti, per prendere in tempo le ferie o per battezzare i vostri figli prima che sia troppo tardi – allora non dovete fare altro che scriverci indicando il vostro recapito. Sarà poi il signor Muscas in persona a spedirvi in forma cartacea la preziosa informazione, che vi chiediamo però di non divulgare, se non fra i vostri parenti più stretti. I vostri dati ovviamente non verranno diffusi né utilizzati per altri fini che non siano quelli sopra spiegati. Ricordiamo che solo i primi 50 potranno beneficiare della sconvolgente rivelazione, perciò affrettatevi!

Se sulla data c’era qualche incertezza, sulla modalità del ritorno ovviamente non vi sono dubbi, giacché i testi sacri ci avvertono: “Egli viene con le nuvole e ogni occhio lo vedrà” (Apocalisse 1:7). Dunque, scie chimiche permettendo, prepariamoci a volgere lo sguardo verso il cielo per il ritorno di Gesù Cristo il Salvatore!

CONTATTA LA REDAZIONE PER RICEVERE A CASA TUA, IN FORMA TOTALMENTE GRATUITA, LA DATA DEL RITORNO DI CRISTO SULLA TERRA

    6 settembre 2010