Trascendentale - Notizie dal mondo
 ARCHIVIO | CRONACA | STORIA | SCIENZA | ATTUALITA' | ALIENI | PADRE PIO | NANI | LITTLE TONY | INCHIESTE



CODROIPO – Ubriacati dall’eccessivo benessere che ha caratterizzato l’ultimo secolo abbiamo riempito le nostre case di apparecchi di ogni genere, elettrodomestici, macchine lampeggianti, dispositivi automatici e altri aggeggi elettronici senza pensarci troppo. Ma cosa succederebbe se iniziassero a rivoltarsi contro di noi?

E’ successo a Codroipo, in provincia di Udine. Un paese che purtroppo, come abbiamo già visto in passato, è spesso all’avanguardia per quanto riguarda fenomeni misteriosi e tragedie paranormali.

E di nuovo la tragedia ha fatto la sua comparsa qualche sera fa nella casa del signor Ugo Marello, vedovo 78enne, alpino ed ex ferroviere, quando un tostapane si è scagliato contro il povero vecchio, che ha accusato un malore. Soccorso qualche ora dopo dal figlio Giacomo, è stato immediatamente portato nel vicino ospedale.

A spiegarci cos‘è successo è il tecnico di computer Egidio Vanzari, esperto del C.I.S.A. (Centro Internazionale di Studi Alternativi) di Vimodrone, già presidente del Circolo Ufologico San Lorenzo, che segue la vicenda.

“Il computer del signor Giacomo era completamente infetto, letteralmente grondante di virus” ci spiega il Vanzari. “Collegandosi all’impianto elettrico dell’abitazione del signor Marello il computer ha infettato anche gli altri elettrodomestici. Alcuni hanno retto, altri sono completamente andati fuori controllo, come è capitato al tostapane, un apparecchio modesto di fabbricazione cinese”.

Chiediamo al signor Vanzari se c‘è la possibilità che il virus si trasmetta anche agli esseri umani come è già capitato in passato. “Questa è un’ipotesi assurda, decisamente impossibile” ci rassicura l’esperto. “Si tratta di virus di tipo diverso. E’ sicuro però che si trasmetta agli altri elettrodomestici: asciugacapelli, frigidaire, forni elettrici, televisori e via dicendo. Se si propagasse sarebbe una tragedia per tutta l’umanità. Avremmo incidenti di questo tipo ovunque. Sarebbe la fine”.

Il povero signor Marello è tuttora sotto osservazione nell’ospedale di Codroipo, e a lui dedichiamo la preghiera dell’alpino.

Nel frattempo il signor Vanzari ha messo in atto una clamorosa proposta contro l’assenza di provvedimenti di emergenza da parte delle autorità (che hanno vergognosamente ignorato la vicenda) incatenandosi ai cancelli di un supermercato Carrefour.

Anche questa volta, come è già capitato le volte precedenti, il signor Vanzari è stato rimosso dai commessi al momento della chiusura del supermercato.

    7 giugno 2011