Trascendentale - Notizie dal mondo
 ARCHIVIO | CRONACA | STORIA | SCIENZA | ATTUALITA' | ALIENI | PADRE PIO | NANI | LITTLE TONY | INCHIESTE



SALT LAKE CITY, UTAH, NUOVO MONDO – Lo strano cappello multicolore di Cooper Crascicaverso non aveva suscitato nessun sospetto, bensì solo l’ilarità degli addetti alla sicurezza dell’aeroporto di Salt Lake City, Utah, che lo avevano lasciato passare senza controlli al terminal di imbarco per il volo AT43896 diretto a Foggia, ignari del rischio che stavano facendo correre agli altri quaranta passeggeri.

Crascicaverso infatti nascondeva un grosso ordigno fabbricato artigianalmente con tritolo, chiodi, schegge di vetro e un rotolo di carta assorbente sotto il suo cappello tanto simile a quello dei nani di corte medioevali: ordigno scoperto solo quando, sul pullman che doveva portare i viaggiatori all’aeronave, un trentenne affetto dalla sindrome di Asperger di nome Ciro Heinz ha agguantato e strattonato il copricapo di Crascicaverso, che aveva scambiato per un “drago sputafuoco cattivissimo”. Afferrato il cappello, Heinz ha chiesto incuriosito a Cooper Crascicaverso cosa fosse il “rotolone gigante nella pancia del drago”. Il malfattore, ormai disperato e smascherato una volta per tutte, ha tentato di strangolare l’eroico demente; ma è stato prontamente prelevato dalla polizia aeroportuale, più imbarazzata che mai.

Crascicaverso ha dichiarato alle autorità di Salt Lake City di avere intenzione di “dare una raddrizzata ai sedili degli aerei”, che gli avevano causato un grave caso di ernia del disco sette anni addietro.

Il cappello del potenziale attentatore è stato venduto a una mostra d’arte contemporanea, e il ricavato della vendita donato a Ciro Heinz, che ha immediatamente comprato una spada laser “per sconfiggere le supertigri”.

   28 dicembre 2006