Trascendentale - Notizie dal mondo
 ARCHIVIO | CRONACA | STORIA | SCIENZA | ATTUALITA' | ALIENI | PADRE PIO | NANI | LITTLE TONY | INCHIESTE



Un esperto lottologo napoletano si offre come consulente alle nazioni europee: “Posso dominare i mercati come domino i numeri del lotto”.

NAPOLI – Abbiamo già svelato quale gigantesca truffa ci sia dietro la moneta europea e fosse per noi torneremmo immediatamente al baratto, anche perché, ormai da anni, ci siamo abituati a vivere senza denaro. Ma la situazione è questa: non siamo sull’orlo dell’abisso, ci siamo finiti dentro, spinti da banche, casta politica e forze più o meno oscure, che più volte abbiamo denunciato in queste pagine. Eppure un modo per risvegliarsi da questo incubo esiste e ha perfino un nome. Si chiama Riccardo Scapece.

Conosciuto a Napoli come “O nigr” è un potente medium, matematico e lottologo, consulente di importanti personaggi su questioni di amore e di morale, nonché pranoterapeuta e visionista assoluto dei numeri.

Il dottor Scapece ha inviato una missiva ai capi di stato di tutte le nazioni europee coinvolte nella crisi: “I mercati finanziari si comportano alla stessa identica maniera dei numeri del lotto” ci spiega nel suo studio, tra una boccata di sigaretta e l’altra.

“Come posso dominare il mistero del lotto, posso dominare anche le borse e i mercati finanziari. Già da anni sono consulente finanziario per vari personaggi di cui non posso fare nome. Ma ora ho deciso di mettermi al servizio delle nazioni perché sento che questo è un momento delicato.”

Nella missiva inviata alle nazioni europee – compresa l’Italia, ovviamente – il dottor Scapece spiega di conoscere il metodo sicuro per invertire la crisi: “Dove ora c’è il segno meno ci sarà il segno più, vi dico solo questo”. Il metodo però sarà rivelato solo ed esclusivamente alle prime dieci nazioni che si metteranno in contatto con lo studio dell’esperto (tel. 081/336769 – telefonare nei giorni feriali dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 19, non chiudere subito, far squillare molto).

Che dire, cari lettori. I potenti che vivono sulle spalle di noi comuni mortali perderanno anche quest’occasione? Pensiamo di sì e speriamo di no, ma vedremo.

   31 luglio 2012