Trascendentale - Notizie dal mondo
 ARCHIVIO | CRONACA | STORIA | SCIENZA | ATTUALITA' | ALIENI | PADRE PIO | NANI | LITTLE TONY | INCHIESTE



L’ennesima sfida allo Stato del diabolico Cretinotti: il diabolico clown non ha più limiti e vuole terrorizzare il mondo intero.

“Non ne possiamo più”. E’ l’amara, scioccante confessione del Capo della Polizia, al cospetto dell’ennesimo oltraggio portato a segno da uno dei più grandi criminali della storia del Belpaese.

Dopo i colpi perpetrati al Castello Svevo di Trani e al Palmento di Rudinì, nel pachinese, rimasti tutt’ora impuniti, il famigerato clown Cretinotti – un tempo apprezzato beniamino delle comiche mute ma da anni convertitosi al malaffare per cupidigia di guadagno, o forse per bisogno, per quel che importa – ha deciso di alzare il tiro là dove nessun malavitoso l’aveva alzato mai prima di lui.

Ieri notte, tra le 23.30 e le 00.12 circa, il volto mefistofelico del clown è infatti comparso sulla faccia della silenziosa luna, che era sorta come sempre a contemplare i deserti.

Secondo i tecnici della polizia scientifica, lo spaventoso allunaggio ottico di Cretinotti è stato realizzato tramite un proiettore di potenza inaudita, collocato in gran segreto su una collina della campagna laziale che gli investigatori stanno faticando a identificare con esattezza. Da quella oscura postazione, un raggio di luce avrebbe attraversato una speciale diapositiva, preparata a bella posta da Cretinotti per imprimere la malvagia effigie sulla pallida luna, mettendo così sotto scacco, da distanza siderale, l’intero mondo dei giusti e degli innocenti.

La malefica proiezione, del resto, ha suscitato proprio l’effetto sperato dal criminale: scene di panico si sono registrate in tutto lo Stivale, da nord a sud. A Roma, molti hanno abbandonato le case e si sono rifugiati nelle proprie automobili. Il Patriarca di Venezia, consapevole del bisogno di rassicurazione delle proprie pecorelle, ha immediatamente indetto una messa straordinaria che si è celebrata, in un clima a dir poco drammatico, nel cuore dell’umida notte. A Palmi, in provincia di Reggio Calabria, alcuni locali hanno tentato di reagire alla provocazione sparando al cielo, ma con armi dalla gittata senz’altro inadeguata. In Sardegna, infine, a Donigala Fenugheddu, la locale guardia medica è stata presa d’assalto da una comitiva di anziani colti da malori a catena.

Secondo il Primario della Guardia Medica, uno degli anziani, alla vista del volto di Cretinotti proiettato sulla luna, deve essere stato colto da infarto per primo, e la preoccupazione per le sorti del proprio sodale ha innescato un effetto domino che – alla fine – ha portato ben sette persone a vedersela, come suol dirsi, con Dominiddio.

Cosa ha voluto dimostrare, con questo mostruoso gesto, il clown Cretinotti?

“E’ l’ennesima sfida allo Stato”, dice ai nostri cronisti una fonte molto vicina al Ministero dell’Interno. “Cretinotti vuole portare la sua lotta criminale al cuore del sistema solare. Ma il Belpaese reagirà!”
E una prima reazione, tanto attesa, viene forse proprio dalla Direzione Nazionale Anticrimine, che in queste ore ha posto la propria lente d’ingrandimento sulla particolare tecnica con cui Cretinotti ha deciso di colpire. 

In particolare, a quanto risulta a Trascendentale, ai massimi livelli degli ambienti investigativi non si esclude (e anzi si ritiene molto probabile) che proprio i trascorsi del noto clown nel cinema muto gli abbiano fornito le competenze tecniche per ideare e realizzare l’atroce piano. Proprio per questo, nelle prossime ore, potrebbe essere ascoltato quello che viene con sempre più insistenza definito un testimone chiave, il prof. Paolo Chierchi Usai, autore del libro “THE ART OF FILM PROJECTION: A BEGINNER’S GUIDE”, presentato proprio quest’anno all’ultima edizione delle Giornate del Cinema Muto di Pordenone. Che ci sia proprio un libro – un testo maledetto, potrebbe dirsi – alla base della macchinazione che ieri ha seminato il panico nel Paese più bello del mondo?

Mentre l’inquietante interrogativo riecheggia, tra la terra e la luna, il diabolico clown Cretinotti si trova, chissà dove, ancora a piede libero.

    6 giugno 2020