Trascendentale - Notizie dal mondo
 ARCHIVIO | CRONACA | STORIA | SCIENZA | ATTUALITA' | ALIENI | PADRE PIO | NANI | LITTLE TONY | INCHIESTE



CODROIPO (UD) – Anche i vecchi sbagliano. E’ estremamente raro, ingiusto, e quando accade getta tutti nello sconforto, ma purtroppo succede. Ed è successo anche ieri, a Codroipo.

Un anziano capo-scout della ridente cittadina friulana, il dottor Manunzio, docente di Astrologia presso il locale ateneo statale, durante un’escursione notturna alla guida dei suoi intrepidi lupetti ha creduto di avvistare in cielo un OVNI, Oggetto Volante Non Identificato. Gli anglosassoni direbbero un UFO. In ogni caso, un velivolo di provenienza aliena.

Corso alla più vicina postazione comunicativa – un telefono pubblico a ridosso dell’autogrill Magnaccia – il professor Manunzio ha contattato immantinente il Presidente della Repubblica, capo dell’Esercito Italiano, per comunicare l’allarmante avvistamento. Il navigato capo-scout ha urlato nella cornetta la parola d’ordine in uso in questi casi negli ambienti degli scout e delle forze armate, che, per questioni di sicurezza, non possiamo riportare.

Subito s‘è messa in moto la possente macchina militare dell’impero italiano.

Aerei spia, satelliti, truppe anfibie, elicotteri d’appoggio, sommergibili nucleari e i 15 carri armati che compongono la Colonna Furas della Guardia Forestale hanno immediatamente mosso alla volta di Codroipo.

Anche 400 uomini della protezione civile, in quel momento impegnati a sostenere gl iabitanti di un paese di montagna vittima di un’alluvione, sono stati immediatamente spostati nella zona di Codroipo.

Nel frattempo – come un turbinio di fuochi artificiali – tutte le principali testate radio-televisive del mondo lanciavano le proprie edizioni straordinarie. Anche la Commissione Europea s‘è riunita con estrema urgenza per seguire da vicino la situazione. Per qualche attimo gravido di tensione, si è creduto che fossimo finalmente giunti all’incontro con gli extracomunitari dello spazio.

Ma si trattava solo di un tragico equivoco.

L’“oggetto estraneo” avvistato dall’anziano capo-scout era la luna, una lucente luna piena, giusto un po’ coperta da nuvolette infide. Il professor Manunzio è stato immantinente arrestato con l’accusa di procurato allarme nazionale, mentre il Parlamento Europeo ha già calendarizzato delle procedure di sanzione contro il nostro paese. Verranno discusse giovedì.

   24 febbraio 2007