Statistiche: ma si scopa di più su Badoo o Tinder?

Prima di rispondere alla domanda su Badoo, partiamo da una domanda più generica:

ma si tromba con internet?

la risposta, per quanto mi riguarda è: SI.

così, a scopo biografico, mi è capitato con la chat (vi ricordate mIRC?) e con i blog (vi ricordate Splinder?). E Badoo? Così, sempre spinto da una motivazione scientifica, ho provato per 6 mesi anche Badoo. e la domanda è la stessa:

ma è possibile chiavare con Badoo? e Tinder?

la risposta, per quanto mi riguarda è si (minuscolo)

Cerchi sesso facile? Stai calmo… ora ti spiego

Prima di tutto devi sapere che le donne su Badoo e Tinder cercano di conoscere uomini nuovi e belli. Invece gli uomini cercano sesso… semplicemente vorrebbero scopare oggi, senza attesa. Quindi già da questa semplice differenza si nota l’approccio opposto dei due generi. Stai cominciando a capire perchè nessuna vuole vedere le foto del tuo pisello? Nel mio caso, ci ho messo 1 anno di frequentazione “assidua”, tanto ma tanto tempo impiegato e persino la lettura e studio di manuali appositi per modificare la mia comunicazione (che effettivamente faceva un po pena, per capirci ero come uno di quelli che contatta Cinzia).

Recensioni e opinioni su Badoo Adult / Sexy / Trombamica / Adotta un Ragazzo e vari siti di incontri per adulti

Per inciso i vari Sexy Badoo, Badoo Adult, incontri per adulti ecc… sono TUTTE fregature abissali, piene di profili femminili finti, statene alla larga senza dubbio e senza rimorso. Una volta mi sono iscritto (sempre a scopo scientifico ovviamente) su Adult Friend Finder e mi hanno pure fatto transazioni non autorizzate. Mi hanno anche chiesto opinioni su tromba amica .org e sono andato a indagare, il solito white label (cioè sito di facciata) di Dating Factory, a sua volta pieno di profili finti nei quali non ha senso iscriversi.

Gli unici siti e app dove è possibile conoscere donne vere sono Badoo, Tinder e CiaoAmigos (che tra l’altro è pure gratis). attenzione però che anche qui non è per niente facile e soprattutto per niente veloce (ameno che non siate sosia di Tom Cruise, in quel caso probabilmente non avrete problemi neppure a rimorchiare al supermercato).

Ps. per “donne vere” si intende sostanzialmente il tipo di donna un po’ grassottella, un po’ disadattata, un po’ triste o che comunque per vari motivi non trova nessuno fuori da internet. Tutti i profili di supergnocche non vi risponderanno mai, fate finta che non esistano. Iniziate invece a pensare che quando andate su internet o sulle app per scopare… probabilmente troverete una donna normale, magari impiegata, magari con figli… non certo una superstar di hollywood o una diciottenne arrapata.

Le video chat online


Per quanto sembri strano, in Italia esiste un’unica comunity dedicata agli incontri video/chat, si chiama “ciaoAmigos” ed è online dal 2005 ed è una specie ibrido tra Chatroulette e IRC. Ogni giorno ci sono dai 5.000 ai 10.000 utenti attivi, 30% donne e 70% uomini. Vi ho messo questo screenshot che da l’idea di una serata “tipo” in chat, coi simpatici messaggi dello staff che infoma di essere “contro il sesso a pagamento”. Interessante la struttura a stanze. La stanza rossa è per gli incontri apertamente erotici, la stanza blu è per gli incontri un po’ più “vestiti” (nello screenshot vi ho messo una foto scattata nella stanza blu).

Anche in questo caso il tempo da dedicare prima di trovare una persona interessate con cui parlare è semplicemente biblico. Sono tutti così presi dal “tutto e subito” e contemporaneamente chiusi nella propria identità che spesso è persino difficile iniziare una conversazione.

Il rapporto maschi/femmine:

Se nel 2000 su IRC si andava dal 8 a 1 dei canali più pop, si arrivava anche a vette del 20 a 1 (ovviamente 20 maschi, 1 femmina)

Già nel 2008 su Badoo erano quasi a 2 a 1:
2,8 milioni di uomini e 1,4 milioni di donne… i tempi stanno cambiando èh?

Considerando anche che una volta si tendeva a chattare “alla cieca”, e oggi invece si sceglie prima in base alla foto, con chi chattare, ho voluto fare un piccolo grafico per analizzare la reale distribuzione percentuale delle ragazze divise per età, dalla quale possiamo facilmente capire l’età media delle donne di Badoo:

donne su badoo, distribuzione della popolazione per fascia di eta

In rosso vedete la percentuale di femmine relative all’età dichiarata nella scheda personale. In verde vedete lo stesso dato riferito soltanto alle presenze online lunedì 9 giugno, ore 21.

Se analizziamo i dati per numero totale, potrebbe sembrare che la maggior parte delle ragazze sia di età attorno ai 19 anni, mentre invece osservando i dati On-line vediamo che la maggiorparte sono 18 enni (ricordo che su badoo non ci si può iscrivere dichiarando meno di 18 anni… ma fateci un giro e ditemi quante secondo voi hanno davvero 18 anni…)

Interessante notare anche che oltre i 33 anni la tendenza tra utenti generici e utenti online si inverte… come dire… l’orologio biologico scorre, l’utenza si fa più assidua!

Scala di priorità tra i vari feedback (like, foto, voti ecc.)

ecco cosa noto di Badoo / Tinder:

  • Maggiore importanza: Foto, estetica
  • media importanza: scheda personale (altezza, stato di coppia, ecc)
  • bassa importanza: chat interna

ecco cosa ricordo delle vecchie chat su IRC

  • Maggiore importanza: simpatia, fantasia, disponibilità (chat)
  • Media importanza: foto (che tra l’altro se la chiedevi facevi già la figura del maniaco)

Vorrei ricordare ai più giovani, che ai tempi della chat su IRC le foto erano una rarità, mentre oggi le foto sono la prima fonte di interesse sulle reti relazionali, oltre che prima merce di scambio.

Quindi, vista l’inversione di tendenza sia per quanto riguarda le foto che per quanto riguarda il numero sempre crescente di nuovi utenti, le reti relazionali oggi sono più frenetiche della chat di una volta: grande quantità di incontri “superficiali”, e fare “colpo” è difficile. (qui c’è la guida da cui ho tratto alcuni di questi consigli).

L’illusione di Tinder

Te la vendono cosi: Tutti stanno su Tinder!
tinder-market-share

Così nel 2016 siccome sono ritornato single ho provato anche Tinder, ma come ben sapete, non sono il tipo di persona che si limita a “provare” le cose, io le grindo. Quindi, alla faccia dei dati ufficiali, alla faccia delle stronzate che si leggono sulle riviste… Ecco i miei dati:

Ve li scrivo meglio perché dal grafico, come direbbe la mia prof di statistica “non si capisce un’acca“.

profili a cui ho fatto like: 5269
mie foto in rotazione: 4 in cui si vede il volto, 1 in cui sono di spalle.
like ricevuti: 48
superlike inviati: 325
superlike ricevuti: 0
miei inizi di conversazione: 47
inizi altrui: 1
conversazioni andate oltre 10 messaggi: 13
conversazioni sfociate in incontri reali: 1
mio tempo dedicato: 1,5h a settimana x 6 mesi (vale a dire 2 giorni di vita utile… un tempo immenso)… numero calcolato grazie a un’app che si chiama “quality time” e che misura esattamente il tempo speso nelle applicazioni. Di questi 5 mesi l’ultimo lo fatto acquistando Tinder Pro e facendo 5 superlikes al giorno + comprandone altri 25.

Il problema di Tinder è immenso: appena lo si apre piovono gnocche, o meglio… piovono foto di gnocche. Questo accade perché nel social network tutti mettono il proprio lato migliore, più sportivo, più “in”. E quindi sembra che tutte le ragazze d’Italia passino la loro esistenza in costume da bagno, sfoggiando tatuaggi, baciando cani o facendo sport estremi e viaggi dall’altra parte del mondo.

Tutte queste ragazze ricevono una quantità di “like” superiore a quella sostenibile da chiunque e quindi il più delle volte semplicemente non rispondono. Ho inoltre il sospetto che esattamente come su Badoo, anche su Tinder sia pieno di “fake” ovvero profili civetta, fatti solo per incassare la maggior quantità di Like e superlike (che si pagano).
L’uso assiduo di Tinder ti porta a pensare che senza i superlike non si possa mai passare oltre questa coltre di silenzio e così ho comprato Tinder Premium e mandato 150 superlike al mese + 25 superlike aggiuntivi. Risultato? ZERO. Quindi anche in questo caso:
– o faccio veramente schifo (le mie foto sono le stesse che uso su questo sito)
– o Tinder è un’ immensa slotmachine che fa finta di essere un social network… ed essendo una slot machine mascherata, ovviamente crea dipendenza. In sostanza: la quantità di tempo che si passa attaccati alle varie app di appuntamenti diventa ben presto enorme, una specie di attesa infinita schiacciando sempre lo stesso tasto, sperando che “la fortuna” ci baci in fronte.

Conclusioni

Mentre una volta anche io incontravo donne graze a internet perchè potevo dare spazio alla mia “mente”, oggi con la sola faccia cucco molto meno (direi zero), vuoi perchè le epoche cambiano alla svelta, vuoi perchè meglio soli che con una stronza, l’unica speranza di conoscere persone nuove sono nelle varie chat online, che tuttavia richiedono una quantità di impegno e di tempo impensabile.

Ciao Amici! Ci vediamo alla seconda parte dell’articolo: per cuccare su Badoo è meglio votare o farsi votare? Ecco come votano le ragazze di Badoo

… in alternativa c’è anche sempre chi decide di fare prima e andare direttamente a prostitute.

UPDATE: 2020

Sempre per motivi scientifici quest’anno ci ho riprovato. La differenza però è che invece di comprare abbonamenti come avevo fatto la volta scorsa, mi sono deciso a “mettermi in gioco”. Ho quindi seguito tutti i consigli della guida di Reborn, e attenzione! In un mese ho già avuto 3 appuntamenti! Per uno come me che non esce MAI è un record assoluto. Quello che nel mio caso ha fatto la differenza è stato:

  • cambiare la foto con una professionale
  • ridurre la descrizione
  • cambiare radicalmente il modo in cui “chatto”: ho tolto tutte le domande banali (di dove sei, che lavoro fai, ecc) e cerco di essere semplicemente simpatico.

Anche il capitolo sul numero di telefono è stato fondamentale perchè a quanto pare… in chat sono pessimo! Quindi fare 2 chiacchiere al telefono è la cosa migliore anche solo per capire che tipo di persona c’è dall’altra parte.

Piaciuto l'articolo? Ricevi un'email quando scriverò ancora (circa 2-3 all'anno)

potrebbe interessarti...

Commenti

  1. Confermo tutto quello che hai scritto.
    Complimenti per lo studio scientifico.

    • grazie Giò 🙂 molto studio, poco scientifico!

  2. Complimenti per le tue statistiche molto interessanti;interessante sarebbe calcolare la percentuale di risposta a un genericio tuo Ciao con messaggio istantaneo, in funzione dell’età delle ragazze (risposta entro le 48 ore da cui si è mandato un messaggio a una ragazza online;

    • grazie del complimento 🙂 ora comunque sarà cambiato tutto, è una vita che non mi loggo e quando l’ho visto l’ultima volta qualche anno fa avevano cercato di monetizzare l’impossibile, mettendo richieste di soldi ovunque, quindi probabilmente ora le “strategie” saranno anche molto diverse.

  3. non funziona: garantisco. forse fino a 5-6 anni fa: oggi è il paradiso dei fake (soprattutto robot e operatori di badoo stesso…) e dei travoni.

    • grazie master per l’aggiornamento… sinceramente visto come funzioava all’epoca non avevo dubbi 🙂

  4. Per quanto mi riguarda la risposta a si chiava con Badoo? è Sì. Il mio metodo scientifico si è basato per l’ultilizzo finalizzato al sesso per un paio di mesi. Nessun credito comprato o servizio a pagamento. Risultato: 4 ragazze su 4 chiavate al primo incontro. Il tutto, come detto nell’arco di 2 mesi. Più una infinità con cui chattavo su whatsapp e con cui scambiavo foto o conversazioni +18. Il risultato dipende da come si usa il mezzo, niente di più.

    • ciao Marco, grazie del commento! Se hai voglia ci spieghi che metodo hai usato? E tutte le ragazze che hai trovato avevano anche loro un metodo finalizzato al sesso o ti è sembrato diverso l’approccio da parte loro?

  5. Ma che se cucca….in italia cuccano solo quelli tatuati e con il fisico alla frabrissio korona gli altri si fanno le seghe…..le femmine che vivono in italia sono tra le più viziate del mondo!

    • ciao Pino, capisco il tuo sfogo. posso comunque dire che se cerchi altrove prima o poi trovi 🙂 ciao!

  6. Ciao Simone, che ne dici di aggiornare le statistiche? Sarebbe interessante vedere se sia cambiato qualcosa da quando è stato pubblicato l’articolo.

    • ciao Marco, grazie del commento, ti confesso che dai giorni di questo articolo ne è passato di tempo! Adesso ho una famiglia, sono già molto indaffarato nel tenerla assieme non penso proprio avrò tempo di rimettermi su Badoo per verificare quanto e come “esiste” probabilità di aggancio. Se però hai voglia tu e vuoi mandarmi un aggiornamento io lo pubblico volentieri! ciao!

  7. Provato…. Confermo e sottoscrivo, delusione totale.
    Purtroppo molti non sanno che la situazione italiana da questo l’unto di vista sfiora il patologico.
    Avendo vissuto in Sudamerica e altri post de mondo mi sono reso conto che qui gli uomini sono stai affamati come cani al guinzaglio , me compreso. Motivi prettamente religioso-sociali. Insomma la concorrenza è serrata anche in Sudamerica ma in senso opposto, sono le donne a litigare per contendersi uno straccio di uomo li.
    A buon intenditor poche parole.
    Eccetto qualche rarissima occasione qui anche le rane si atteggiano a top model

  8. Scopare su badoo è la cosa più facile del mondo se ci sai fare….
    quando una accetta di vederti la scopata è quasi certa
    è pieno di separate divorziate milf affamate…
    difficilmente non ho scopato alla prima

    • confermo il discorso sull’età. Anche all’epoca l’età media delle donne interessate che rispondevano ai commenti era alta (si vede bene dal grafico)

    • Bhe dalla mia esperienza si scopa abbastanza ma bisogna perderci moltissimo tempo. poi ho constatato che le donne over 40 sono più propense all’incontro le italiane parlo dai 18 ai 25 propio non interessa zero (sempre italiane( le straniere invece son più decise e vanno al sodo abbastanza in fretta … La triste verità è. Che alle ragazze italiane il sesso frega praticamente solo per accaparrarsi un fidanzato e non sono neppure brave a parte una … . Hanno bisogno di un periodo infinito per convincersi e spesso se la tirano… e senza motivo anche per non parlare dei falsi moralismi culturali nostrani e l’incapacità da parte delle donne di distingure il sesso dall’amore

    • Balle. Ma perché ti vanti tanto? Ecco perché noi donne non ve la diamo, la nausea che ci fate è al top! Scopare per far numero è molto triste si nostri occhi. Essere un numero, una tacca, non farebbe piacere neanche a voi.

  9. Ciao, concordo con Mister, mi sono iscritto e dopo una settimana ne avevo già trombata una con spesa modica (non fraintendete, spesa per il beveraggio!) Chiaramente se sei uno sbarbato esigente in cerca di modelle campa cavallo che l’erba cresce ma per chi ha un po di esperienza e sa cosa vuole c’è a disposizione una schiera di donne dai 35 anni in su composta da divorziate, straniere di tutte le nazionalità (in particolare russe, rumene ed uscraine), molte badanti (forse Bad-oo deriva da quello?!) e zitelle affamate, se ne trovano anche molte piacenti o belle. Bisogna approcciarsi con un certo stile e non come maniaci sessualied usare un po di fantasia! Provare per credere!

    • insomma i 35/40 sono una seconda giovinezza, più alla mano e più disperata 🙂

  10. Che sappia io badoo non ha più utenti da quando ha messo la verifica telefonica ha perso tutte noi donne e in più non possiamo più cancellarci se non mettiamo il numero telefonico ma il nostro profilo lo lasciano online dove uomini ci scrivono e noi non potremmo mai rispondere quindi ha perso il 90 per cento delle donne anche se fanno figurare che sono online non potranno mai rispondere con sta verifica telefonica.

  11. Al 95% conta il viso, al 4,99% conta il fisico. Per il restante 0,1 altre variabili, tipo il saperci fare etc.

    Va beh statistiche (veritiere o meno) a parte, ad oggi conta quasi esclusivamente l’aspetto esteriore, quindi le foto del profilo. Tutte le donne, bene o male, possono trovarsi da chiavare. Se cercano su internet è perché vogliono il salto di qualità, vogliono farsi uno figo che nella real life non le cagherebbe. Ed ovviamente riescono nel loro intento. La colpa è solo di noi italiani che siamo tra i primi posti nella classifica mondiale dei morti di figa.

    In definitiva, chiavi se sei carino/figo, e tutti gli altri (anche di aspetto normale) nada. Anche qui quasi tutti hanno commentato di non aver battuto chiodo, mentre quei pochi utenti, tipo Marco, che dicono di aver trombato, hanno beccato più di una volta. Evidentemente sono belli. Ergo molte ragazze per i fighi, nessuna per i normali o peggio bruttini.

    Comunque il rapporto 2:1 o addirittura 1:1 mi sembra davvero poco plausibile. Secondo me ancora ad oggi ci sono MOOOLTI più uomini registrati rispetto alle donne.

    • ciao Marco, sulle statistiche ti confermo che io all’epoca non avendone trovate ho dovuto tener traccia della mia esperienza, quindi sono dati molto limitati. Sulla rilevanza della foto rispetto al “saperci fare” non saprei. Probabilmente, anche un bruttino che ci sa molto fare ha varie carte da giocare, in funzione delle proprie aspettative personali: non dimenticarti che anche i maschi hanno moltissime aspettative sull’aspetto esteriore delle donne. Se ti accontenti di una “media”, sono sicuro che la trovi, ed anche in poco tempo.

  12. Con lo stesso tempo che tu hai impiegato a scrivere queste cazzate,io su badoo ne ho gia agganciate 5 e ne ho gia scopate 3 e continuo ad agganciarle tutti i giorni. Per fortuna sono un ragazzo attraente di viso e questo mi permette di ricevere una risposta dalle ragazze a cui scrivo, ma dopo, almeno all’inizio ci devo saper fare parlare, devo azzeccare le domande da porre, poi a certe anche se gli rispondo male vengo perdonato,se un brutto che per fortuna ha ricevuto una risposta si azzardasse a trattarle cime faccio io,la ragazza lo bloccherebbe in 1 mill.di secondo seguito da un:sei un cesso!. Ragazzi è inutile che cercate di arrampicarvi su gli specchi badoo funziona ve lo posso garantire ma funziona solo se sei carino o bel ragazzo sapete chi dice che non funziona? Chi sa di essere brutto e non acchiappa! Mi dispiace conta l aspetto fisico e sopratutto un bel viso accompagnato preferibilmente da muscoli visibili con me funziona..vi dico solo che quando le incontro sono pronte a scoparmi mi fanno i sorrisi mi abbracciano si mettono in braccio fanno mille complimenti e si arruffianano tutte perche sono un bel ragazzo e le faccio sbavare mi hanno fatto dei pompini fantastici ragazze di massimo 20 e minimo 17 io ne ho 21…conta la faccia solo ed esclusivamente quella per iniziare a parlare se non la vedono in foto ti ignorano proprio evviva badoo Giuseppe

    • ciao Giuseppe, grazie per la testimonianza e per la sincerità.

  13. Ne scrivete di cazzate…diciamo una volta per tutte la verità….io sono stato uno tra i primi ad usare Badoo quando più di dieci anni fa era gratis poi l’hanno messo a pagamento per i maschi, malgrado le centinaia di tentativi non sono mai riuscito ad incontrare un donna tramite questo sito e anche altri (tutti..) in quanto visto che sono uno che non mente e che metteva le proprie foto reali e siccome le femmine in Italia sono estremamente viziate e hanno un po’ tutte gli stessi gusti come fossero fatte con lo stampino se non sei un uomo piacente perdi solo tempo nessuna vorrà conoscerti ed incontrarti figurati fare sesso (ma per carità…!) ….quindi è un mezzo per aiutare ancora di più chi è già fortunato nella vita reale cioè chi non ne avrebbe bisogno e no chi invece è in preda alla solitudine chissà da quanti anni (no giorni, no mesi anni!!) e ne avrebbe bisogno…. purtroppo in italia “piove sempre sul bagnato” per colpa delle femmine quasi tutte viziate che negli uomini guardano solo l’aspetto fisico e il portafoglio!! Inoltre su questi siti c’è sempre un rapporto 20 a 1 cioè una donna reale per 20 maschi quindi uomini non perdete tempo e quattrini….ve lo dice chi ha una certa esperienza…

    • Ciao Piero grazie per la testimonianza, decisamente molto condivisibile.

  14. Su badoo agli inizi (anno 2007/2008 se non sbaglio) era facile acchiappare e timbrarle! Gia nel 2010 le cose sono cambiate, meno donne e richieste di pagamento per ogni stronzata che volevi fare nella chat. Poi ho mollato, era arrivato un momento dove potevi contattarne max 4 o 5 gratis e non concludevi nulla!!
    Sempre nel 2010 quelle poche con cui uscivo sembrava volessero solo parlare e non sganciavano, una perdita di tempo infinita!
    Dopo quasi 6 anni di astinenza oggi ho provato a rientrare con un profilo fake, giusto per sondare il terreno!
    Spero che la generazione che aveva 18-20 anni nel 2010 sia stata una generazione sfigata 🙂 Confido di fare qualche acchiappo!
    Mirc l’ho sempre considerato una merda 🙂 ne ho acchiappate pochissime e perchè ero “il figo” in mezzo agli sfigatoni occhialuti!
    Su mirc bisognava entrare chattare e perdere tempo….. badoo è piu’ un a sorta di fermo posta.
    Ai tempi di mirc la vera miniera di figa era giovani.it , un sito per studenti dove si timbrava all’inverosimile, sito che gia nel 2008 era vuoto!
    Un’altra rovina è stata facebook! Anche la piu’ cozza ha degli amici e gente pronta a timbrarla……… Quando erano “isolate” era molto piu’ facile…..
    Mi ha fatto piacere leggere il tuo articolo! Ciao

    • un commento degno del miglior postino d’italia! grazie!! hahaha e complimenti!

  15. Lasciando da parte un attimo Badoo, che è il male minore, c’è da chiedersi : perché in Italia non si scopa? Perché le donne se la tirano cosi tanto? Perché le ragazze “decenti” (NON DICO STRAFICHE) sono cosi inavvicinabili? Mi sono soffermato a osservare ‘atteggiamento in discoteca, nei locali, per strada delle ragazze, molti ragazzi tentano di conoscerle, una processione talvolta, e hanno come risposta rifiuto, rifiuto rifiuto.Li vedi allontanarsi come cani bastonati… Siamo come dei mendicanti affacciati sulla strada e divisi da essa da una vetrina, guardiamo e non possiamo toccare invece in cosi tanti paesi è cosi bello, cosi facile fare sesso o trovare anche una fidanzata, un paradiso; non posso credere che sia solamente una questione di tecnica perché altrimenti significherebbe che qui pochissimi veramente ci sanno fare e poi è una cosa talmente naturale conoscersi che credo non sia possibile ridurla solamente a uno schema tecnico.
    Credo che alla domanda sul: Perché se la tirano? l’unica risposta plausibile è: Perché hanno troppa richiesta. E’ la legge della domanda e dell’offerta. Loro se la tirano, i maschi diventano più affamati e ci provano di più mettendosi in fila, loro di conseguenza se la tirano di più, e tutto va al rialzo. E’un circolo vizioso. E la situazione peggiora di anno in anno. Loro possono giocare, rimandare, tirarsela, prenderti e lasciarti. Tanto c’è sempre un altro che aspetta. Hanno il potere. Anche la più cessa a Roma ha il potere sui maschi. Ha la fila di allupati che la invitano! Situazione unica al mondo!
    L’Italia, inoltre è per molti aspetti, nelle idee e nei costumi, un Paese provinciale e retrogrado. Moltissime persone nascono, vivono e muoiono nello stesso ambiente, determinando quindi nuclei sociali in cui tutti si conoscono e sanno tutto di tutti. Poiché è ancora fortemente radicata la convinzione che se una donna va con molti uomini o si concede in tempi brevi è una TROIA, e nessuna donna vuole portarsi dietro questa nomea con tutto ciò che ne consegue, è evidente che tenderà a limitare di molto le proprie esperienze al fine di tutelare la propria reputazione, o se deciderà di viverle dovrà farlo con molta attenzione, con conseguenze però sul proprio stato psicologico ed emotivo. Per molte donne italiane il sesso non è visto come un atto piacevole di per sé, ma come inestricabilmente legato a una dimensione sentimentale, fino ad arrivare all’estremo di “non posso farlo se non sono innamorata”. Inoltre il sesso viene visto come un atto da compiersi con lo scopo di iniziare una relazione stabile, o esclusivamente all’interno di essa. Questo è il motivo per cui molte donne italiane sono refrattarie alle avventure e fanno sesso soltanto quando sono fidanzate o comunque con la speranza poi di potersi fidanzare con l’uomo con cui lo hanno fatto. Ed è anche questo il motivo per cui molti uomini mentono sulle loro reali intenzioni, fingendo di volere una relazione quando invece vogliono solo sesso: se fossero sinceri verrebbero scartati immediatamente. I media poi propongono ossessivamente modelli di donne bellissime e uomini al vertice della scala sociale, ricchi, famosi, potenti e anche belli. Per l’uomo e la donna media, le possibilità di conoscere e frequentare i personaggi mediatici è bassissima. Ma, mentre l’uomo medio ha la capacità di “accontentarsi” e dedicare la propria attenzione a donne della propria quotidianità, la donna media spesso tende a fare dei confronti tra i personaggi mediatici e gli uomini “comuni”, confronti dai quali questi ultimi non possono che uscire sconfitti. Il risultato è che la donna tenderà ad alzare a dismisura le proprie aspettative e a snobbare gli uomini comuni: continuerà a non poter frequentare i personaggi mediatici e al tempo stesso non frequenterà gli uomini che ha intorno, ritenendoli inferiori e poco allettanti. Infine ricordo vorrei ricordare che per quanto l’influenza della Chiesa cattolica sia stata spesso sopravvalutata in quest’epoca di secolarizzazione, è indubbio che concorra ancora a sostenere l’idea del sesso fine a se stesso come un atto moralmente riprovevole, sbagliato, peccaminoso, materialistico, ecc.. ; LA DO – NON LA DO’, ME LA TIRO, NON ME LA TIRO, sono termini che esistono solo in italiano ma non in inglese, turco, svedese, tedesco, spagnolo, colombiano, brasiliano, canadese, ecc. questo fa intendere come le donne italiane considerino la loro vagina è il valore intrinseco che gli conferiscono dettato proprio dai retaggi educativi che hanno assorbito da bambine. Come vedete a causa di questi fattori è altri forse meno noti, fare sesso o anche solo conoscere una ragazza in Italia è diventata un’impresa ardua che mette in crisi migliaia di uomini, pertanto non c’è da meravigliarsi quando il giornale “LA STAMPA” pubblico’ tempo addietro una statistica in cui si affermava che 9 milioni gli italiani vanno abitualmente a prostitute o sono stati almeno una volta, un numero enorme corrispondente quasi agli abitanti della Svezia. Concludo dicendo che il mondo di oggi è dietro l’angolo grazie alla globalizzazione, è le italiane possono pure continuare a tirarsela allegramente da sole, ad avanzare pretese, a non avere piu quella voglia di mettersi in gioco, fin quando non si autoestingueranno da sole a loro steso danno. Un saluto.

    • Condivido perfettamente quanto scritto, le mentalità ed abitudini dei popoli sono sicuramente diverse. Non resta che adeguarsi o chiare ambiente.

    • Caro Marco, leggo il tuo post di soli due anni fa e vorrei risponderti a dovere. La cosa non sarebbe così faticosa: basterebbe volgere la tua versione al “femminile”, cioè copiarla ed incollarla, ma con la mia voce narrante! Purtroppo, generi grammaticali a parte, il testo sarebbe identico… Ma non ci credi proprio, vero? Che siete voi a tirarvela enormemente? Che “è finita la fame a Bakuk”? Che noi donne stiamo facendo la muffa… e per giunta te lo dice una persona di aspetto, ma soprattutto psiche, piuttosto piacevole? Siete pieni zeppi di “codici sociali” nella testa, invasati dalle più pervertite fantasie; voglia di fare semplicemente sesso (di per sé) meno mille! Mostrate di non avere la benché minima connessione tra desideri, idee, intenzioni, azioni. Pur di non fare semplicemente sesso per passare momenti piacevoli, potete raccontarci qualunque cosa su vostra nonna, sui profili psichiatrici di vostri conoscenti, sulle conversioni dei vostri familiari, sulle sette sataniche, sull’ archeoacustica, e quant’altro. Il tutto, ovviamente, mentre andate lamentando che le donne non ci stanno… scolandovi la loro cantina e addormentandovi sul divano. O dando infiniti bidoni… O parlando tutto il tempo di gatti, piatti tipici regionali (solo parlandone appunto: mai che ci fossimo arrivati a mangiarli, cazzo! Un bidone dietro l’altro!). Oppure nascondendovi dietro un dito, se vi si chiede semplicemente la vostra identità anagrafica (ma che cazzo avrete voi tanto da nascondere?!!!), ecc. Pensa che il “migliore” che mi sia trombata (cioè l’unico che me l’ha dato subito, senza cene, cinema e perdite di energie varie, peraltro!) ha proposto LUI di avviare una “felice serie di incontri di sano sesso”. Rispondo che dipende solo da lui, visto che è sempre lui che per ben tre volte (prima che “la buttasse lì, educatamente e senza impegno, sempre che io sia d’accordo”), si è presentato con una paranoia diversa dopo il coito. Sparito! E questo è stato il mio migliore, cioè una tripletta: tre scopate su tre incontri.
      Ma sai quante ne avrei da raccontare sui vostri rifiuti?! Ma lo sai quanti sono stati?! O quante menzogne, contraddizioni tra il desiderare, il dire e l’ agire?! E, ti ripeto, non mi manca nulla: né a livello fisico, né tanto meno psichico. Tanto meno culturale o finanche spirituale… Tanto per dirti, en passant, guarda un po’, che per me il sesso è una “faccenda” che sfiora il sacro! Ragione per cui non è una merce, ma un piacere/bene non commerciabile. E non ha proprio niente a che fare con ciò che poi i vostri miseri codicini vi fanno pensare! Vuoi degli esempi dei vostri assiomi? Donna seria= frigida. Donna colta= bigotta. Sesso sacro= castità, se non addirittura astinenza. Ovviamente tralascio i contrari.
      Cosa ti devo dire?! Con tutti i codici che avete, a me tocca masturbarmi per un 80% della mia esistenza rispetto al mio desiderio. Capito? E non è manco una questione di cambiare paese, purtroppo… Per noi donne. Dov’è che sono i morti di figa in Italia?! Qua tocca andare a Capoverde, almeno paghi e scegli…e con migliori dotazioni! Peccato che appunto per me il sesso non è mercificabile: non tanto perché dispiaccia a me, o per i poveri prostituti. A me dispiace per il sesso! Fatto sta che tutti proiettano sull’altro (sesso, genere, individuo) problematiche personali, evidentemente. Tutto lì. Ed anche questo è un peccato enorme, quasi quanto vendere prestazioni, appunto. E non parlarmi di altri paesi, per favore: ho viaggiato abbastanza! E gli uomini sono uomini: esseri “schizoidi”, non in grado di essere in linea con se stessi e relazionarsi con l’altro, in toto! Scopano se pensano di avere davanti una troia, e magari si sentono giustificati persino a “mortificarla/maltrattarla”, proprio perché non rispettano il sesso di per sé e l’essere umano in sé! Se invece pensano di avere di fronte una persona profonda, colta, intelligente, non c’è verso di portarli a letto… te lo dico io! O l’una o l’altra: l’idea che entrambe le cose possano risiedere in una persona sola non li sfiora manco lontanamente. O forse ciò scoccia a loro, dato che non sono in grado di incarnare al contempo entità tanto “distanti” (secondo la loro visione)! Tanto meno possono concepire che le “definizioni” di cui sopra (troia vs donna profonda/intelligente, ecc.) SONO semplicemente aberranti! Ancor meno l’idea che essere attratto mentalmente/sessualmente verso una persona non escluda mutuamente il rovescio dei fattori! Loro stessi hanno in sé l’idea che il sesso sia una cosa “sporca”, da soddisfare (nelle più recondite e strampalate “fantasie”, che a chiamarle così ci vuole una certa… magnanimità) con le prostitute, non con la propria moglie, ecc. Loro stessi maltrattano se stessi e gli altri (mogli
      e prostitute comprese, purtroppo!) ostinandosi a non usare il condom, tanto meno onestà/trasparenza/rispetto personale, purtroppo (sempre che ci si arrivi, al letto)!
      Eh… SIGNORE VERE noi tutte, “questo è uno dei piccoli difetti dell’emancipazione”(cit. “torta” da V. Rossi), ma sapete cosa vi dico? “Avanti avanti avanti: insieme, per la libertà a testa alta!” (cit. “torta” da G. Gaber). Anche dovessimo continuare a morir di fame (come è da millenni: forse Marco ha male interpretato questa parzialissima “legge economica”!); anche dovessimo continuare a piegarci a “parlare” utilizzando solo e sempre i soliti codici maschili (frutto, ad esempio, del dannato canone dell’amor cortese, con la sua “doppia morale”, ecc…); anche dovessimo abbassarci noi a pagare perché il sesso non sia più merce, ma appunto un bene di per sé (come l’amicizia, il piacere di una giornata ben spesa, ecc…), con un suo “statuto” scevro da iatrogenici codici relazionali!
      Detto ciò, Marco, puoi ritenerti “meritatamente” (ma senza esagerare!)fortunato: primo perché ho risposto (solo a te, infatti!), secondo perché – a differenza tua – non ho augurato al tuo genere di autoestinguersi (sebbene sarebbe il caso che lo facesse l’intera “specie” umana!) e terzo perché, nel corso del testo (non so se ti sei accorto), sono passata dal darti del VOI a dare del LORO. Non so se comprendi, ma ho apprezzato almeno una certa profondità analitica, seppure “viziata” dell’ ennesima parzialità!
      Buona fortuna a tutti, sempre “bendati” gente, mi raccomando!

    • La tua analisi, Marco, sembra a tratti illuminante e senza dubbio non priva di fondamento per quanto riguarda alcuni aspetti di carattere più superficiale come l’attenzione delle donne al “bello della situazione”, ma ci tengo a precisare che la tesi che sostieni relativa ai retaggi culturali italiani paragonata all’impostazione di approccio con le ragazze straniere, non trova il giusto riscontro con una realtà emotiva che abbraccia l’intero universo femminile. In sintesi: le ragazze italiane, in media, non la danno facilmente non perchè banalmente vogliano accaparrarsi prima un uomo con cui costruire una famiglia o perchè abbiano remore di carattere religioso, ma semplicemente perchè noi italiane viviamo nel benessere e non ci attanaglia la disperazione delle sudamericane o di altri Paesi in cui la fame prevale rispetto a tanti valori che, in modo lucido, tenderebbero a conservare anche lì allo stesso modo. L’economia muove il mondo in tutte le direzioni che vuole creando sempre nuovi “servi e padroni”. Concordo con te peró su un altro fattore predominante in Italia e cioè la religione, o per meglio dire la tradizione religiosa rimasta radicata in molte famiglie forse tuttavia più per apparenza che per sostanza oserei dire, perchè se davvero la religione avesse così tanto “potere” in Italia neanche tu parleresti di sesso e piacere con tanta facilità senza provare un minimo di vergogna per il solo fatto di pensare di USARE una donna per i tuoi soli scopi. La morale religiosa vuole essere semplicemente un freno all’attitudine animalesca che si nasconde in noi e vuole essere un aiuto per preservare una certa integrità morale che è fatta del massimo rispetto nei confronti dell’altra persona, perchè di questo in fondo si tratta, di solo RISPETTO mascherato da un generico NO,GRAZIE quando una ragazza capisce che quel ragazzo non è disposto a “prendersi cura di lei” ma soltanto a divertirsi per una, due, tre notti. Quella dei ragazzi che vogliono solo divertirsi è infatti una mancanza di rispetto nei confronti di una volontà diversa, dettata da una natura decisamente diversa, cioè quella femminile che è legata istintivamente alla ricerca di protezione da parte di un uomo. Quando questo senso di protezione manca o non esiste proprio allora viene meno l’interesse femminile. È poi ovvio che per tanti motivi anche alle donne piaccia divertirsi ma la maggior parte, anche nel divertimento, si sentirá attratta dal senso di protezione che un uomo è in grado di ispirare sia fisicamente( muscoli) sia intellettualmente ( atteffiamento sicuro) per cui poi ognuna sceglierà in base alla propria personalità. Il vostro istinto è invece quello di “seminare” indistintamente ma senza comprendere che il vero male del mondo è proprio chi agisce senza riflettere sulle conseguenze. Dovreste fare i conti con il vostro istinto e capire che il cervello non è utile solo per fare statistiche di vario genere o per realizzare obiettivi di carattere pecuniario. L’intelligenza di cui siete dotati vi serve innanzitutto per comprendere le esigenze altrui in modo tale da aprirvi anche ad un’altra prospettiva di vita, quella che rasserena l’anima e il cuore e che risponde ad una sovrastruttura basilare, cioè quella di famiglia. Oggi quasi nessuno ci pensa ma se continuate così con questo atteggiamento disfattista nei confronti dell’altro sesso, sarà difficile garantirsi una progenie che cresca poi in modo solido. Ma tanto ci penserete tutti all’ultimo quando, una volta diventati vecchi e passato l’ardore della giovinezza, vi renderete conto che tutto quello che avreste potuto creare di buono con una persona, alla fine non lo avete fatto e passerete il resto della vecchiaia con una badante che vi maltratta e vi ruba anche tutti i risparmi di una vita perchè basterá una sua moina per farvi cedere a tutto, anche al matrimonio per poterle concedere la cittadinanza…eh si a quelle stesse nozze a cui avreste potuto convolare se solo aveste dato una possibilità di ascolto sincero a quella ragazza conosciuta su Badoo che sarebbe stata disposta a sua volta a concedervi tutto l’amore che meritavate o meno ma che comunque vi avrebbe donato tutta se stessa in nome di un sentimento che supera ogni bassezza carnale e che è in grado di elevare anche un animo intrappolato nei meandri dei suoi istinti primordiali.

    • Marco condivido aggiungo che la donna media purtroppo è più ignorante dell’ uomo medio prorpio per i motivi che hai soprascritto. Ecco perchè l’ Italia è piena di donne divorziate e separate che non hanno più una relazione srtabile e preferiscono ( erroneamente) scoparsi soltanto saltuariamente qke ragazzino (sono loro per prime a far le puttane) …e poi si lamentano qunado entrano nella soglia dellla vecchiaia dicendo che nessuno le deisdera e le ama…..Cazzo donne svegliatevi e siate più umili!!!!!!!!!!!!!!! L’ uomo invece è meno esigente ed ecco perchè post separazione si mettono insieme a quell dell’ est che hanno una mentalità più aperta delle italiane

  16. Bagno di sangue !! Sì !
    La considerazione principale che ho realizzato è che su Tinder (ma anche Badoo, Lovoo, etc…) si sfoga la necessità di una donna di mettersi in vetrina, una necessità fine a se stessa.
    Sono convinto che la maggior parte di loro non cerchi un partner, quando invece abbia voglia di far numero di seguaci per gratificare il proprio ego, magari condividendo i risultati con le proprie amiche/rivali.
    Un universo di donne leggere e annoiate a cui resta solo questa gratificazione futile per giustificare il proprio tempo sprecato.
    Ci sono poi donne adulte e rassegnate, magari madri single, che tentano ogni strada per rimediare alla propria solitudine, ma questo sono una minoranza.
    Infine le cesse che non si caricherebbe davvero nessuno, ma ormai rasentano lo zero virgola, credo abbiano preso coscienza di non avere alcuna speranza in un ambito dove l’apparenza è ostentata e fondamentale.

  17. ho testato per un mese intero badoo con 350 crediti e 6 giorni di superpoteri
    ho creato un profilo fasullo con 5 foto di un ragazzo molto piacente (media punteggio superiore al 7).
    profilo completato al 70%
    la zona è quella tra milano, como e varese.
    l’apertura del messaggio inziale è piacevole. ho curato anche questi dettagli!
    tempo trascorso: mediamente 3 ore al giorno.

    risultato:
    oltre 130 contattate.
    almeno 20 hanno risposto.
    4/5 hanno lasciato il numero/contatto fb, ma attenzione, tutte ragazze bruttine o in sovrappeso (tante non mettono foto del fisico ma con fb riesci a sgamarle) e tendenzialmente con cultura bassa (estetiste, parrucchiere, gente con la terza media a dir tanto che non riesci neppure a farci un discorso a momenti).

    diverse poco a posto di testa.
    diversi profili fake di pseudomodelle che spariscono quando gli chiedi fb.
    diversi profili di trans.
    tante non leggono neppure il messaggio.
    tante leggono e non rispondono.
    alcune rispondono a monosillabi, quindi ad un certo punto lasci perdere per la disperazione.
    alcune rispondono per due/tre volte e poi spariscono quando gli chiedi cosa fanno nella vita o altre domande un po’ più personali.

    più facile con le over 30(over 35), ma bisogna essere di bocca buona anche qui.

    sarò io schizzinoso, ma se voi definite carina una tizia alta 155, in sovrappeso, volgare o trasandata, con cultura inesistente e/o disturbata….ci credo che scopate!!
    ma se volete una ragazza sexy, fine, elegante, con un buon livello di cultura, simpatica e a posto, senza per forza essere strafiga… una ragazza tipo alta 168/170, bel viso, snella e curata è molto difficile che riusciate a concludere qualcosa lì sopra.
    nemmeno se siete molto piacenti.
    quindi…chi dice che si scopa facilmente su badoo e con belle ragazze è semplicemente un fake, uno che se le vuole menare oppure vive in zone in cui le ragazze sono più aperte a questo tipo di incontri.
    o ancora si scopa le cesse!!
    di certo non può vivere in zona como/varese.

    • Ciao Giuseppe grazie! Sei il mio mito. A quando la prova di Tinder?

  18. Sono interessanti i vari approcci che ho avuto modo di leggere nei messaggi dal 2011 al 2016, e vi devo dire che i vari siti stanno diventanto molto “selettivi” anche con il gentil sesso…mi sono iscritta ad alcuni per vedere, per messaggiare, senza l’intento di fare sesso “gratuito” (cit.Marco) e forse di avere la fortuna di “girare l’angolo e incrociare una persona speciale”. L’intento dichiarato era “non dover sottoscrivere un abbonamento” e vedere come funziona, per quanto si puo’ scrivere, e lo dico con molta sincerità. Tempo speso al giorno “dalle 2-3 ore” alla sera, seduta sul divano ai “2 minuti” giusto per vedere se ci fossero messaggi (a volte senza rispondere subito, non per arroganza, ma per “inerzia”).
    Ho riscontrato una buona rispondenza ai miei contatti spontanei, mi prendevo il tempo di leggere il profilo e con il tempo ho affinato l’arte di leggere fra le righe…e leggere dietro le immagini. Certo sono una Donna..per cui con il tempo ho dato ascolto anche alla mia voce “segreta” : l’intuito . Cmq mi sono avvicinata a quesot “Mondo” ai 40+ e imparato alcune regole, anche mio malgrado…tra cui i fake che cercano di “spillarti” soldi, afroamericani, ecc ecc (con contatti ridiretti via Russia/paesi dell’est per mascherare il percorso a la tracciabilità).
    Ho cercato di rispondere alla maggiorparte dei messaggi anche solo con un “grazie per il tuo messaggio”, che fosse “superfigo” o “uomo normale”.
    Ho parlato con diversi uomini che non mi interessavano, cercando di avere un colloquio “personale”, parlare delle cose della vita, ecc ecc. Ho incontrato alcuni uomini, con alcuni sono ancora in contatto amichevole, con altri non piu’. Mi sono anche “innamorata” ma nulla che abbia avuto seguito, ergo = alla vita reale. Si deve sempre essere in due, ma prima di tutto si deve essere felici e sereni con se stessi, i nostri stati d’animo sono percepiti sia in rete che di persona.
    Tipologia di uomini “recensiti”:
    – i fighi , bellocci, ecc ecc : scartati non hanno sostanza e concretezza
    – i supermuscolosi: la muscolatura celebrale si “allena” con la lettura e la conoscenza…chissà se inventeranno una pillolina che permetta di “aumentare” il volume della materia grigia ?????? (ahahah)
    – gli over 50 : alcuni interessanti, ma attenti, quelli con prole giovane non riescono a essere “disponibili” , poco tempo da concedere per una relazione, simpatici per una chiaccherata la sera in chat sul divano o per una “fugace aperitivo”. A 60+ saranno propailmente liberi di riprendere in mano la voro vita.
    – gli under 40 : visto che contattavano il mio profilo consci di una età dichiarata maggiore della loro, l’intendo era chiaro. Mi limitavo a ringraziare (quando il messaggio era “faiR”) ed esprimere un pensiero chiaro “sorry, but I’m too old for you 😉 ”
    – gli uomini normali ma “inaciditi” : difficile farci un discorso che non ricade sugli stereotipi (vale anche per molte donne)…alla fine esistono gli spicologici, che hanno studiato come aiutare le persone a “uscire” dalle loro angoscie.
    – gli uomini che cercano solo sesso…mamma mia avete ragione ce ne sono molti…
    dal punto di vista femminile, penso che questii sono un possibile “attentato” alla salute, non desidero rischiare tanto.
    – gli uomini narcisi che inviano fotografie si se “come mamma li ha fatti”…cosa vuoi che ti dico/diciamo: che e’ grande ????? (urge appuntamento con psicologa).
    – uomini appena separati: beh qui ho imparato che in questo caso una semplice amicizia eun poco di “psicologia femminile” bastano e avanzano. Per tutto il resto forse meglio concentrarsi su altro, perchè : 1) o se “il chiodo scaccia chiodo” e poi incontrano la donna con cui vorranno una relazione seria: a te dicono che “non voglio una relazione seria”…e come dice bene Ilaria Cardani “NON la vogliono con te” ma la vorranno con un’altra, o 2) sperano o per ovvia praticità torneranno a vivere con la “ex-consorte”…certo solo se la ex non ha un altro lui…letto caldo, stabilità finanziaria, sventata precarietà…per il resto, beh apriranno un profilo fake per chattare e …beh una frase che si dicono é “se non funziona mi trovo una amante”…

    – uomini single convinti/egoisti: sono carini, hanno la capacità di creare l’atmosfera giusta, sanno dire le parole giuste (cit. vari sopra). Non desiderano prendersi delle responsabilità, ergo dei peter pan, vivono per se stessi e spesso non hanno prole, forse dei nipotini che “adorano” qualche ora al mese…ma fanno bene a dirlo subito…poter scegliere è importante.
    Anche se non lo dicono, a lungo andare, si capisce…per cui penso sia è un buon piano B dal punto femminile prendersi del tempo per non perdere dopo troppo “sonno e serenità”.

    – uomini con buone intenzioni: valgono un poco di tempo per conoscerli, l’alchimia e/o la piacevole compagnia fa/farà il resto.
    Mi permetto di dire una cosa che mi fu spiegata dal professore di Marketing: “anche se vi dicono che è gratuito, in qualche modo lo pagate comunque”…..e questo in relazione alla “pseudo facilità” di alcuni rapporti che la rete ha permesso. E da parte maschile, alla tanto ambita facilità di rapporti sessuali, chissà come “lo pagheremo” ?????

    PS: any comments ?

    • Ciao Dani, credo sia normale che anche dalla vostra parte le motivazioni per partecipare al dating online siano un po’ le stesse che per gli uomini: pigrizia. Appuntamenti da divano, per i quali basta “sperare” e “spendere un po’ di tempo”. Il tutto senza esporsi e senza rischiare figuracce.

      Questo tempo lo regaliamo ai misteriosi algoritmi di matching, che invece di connettere persone sono studiati per tenere le persone “appese” ad una speranza. Questo “sesto senso” di cui parli è simile al sesto senso del giocatore d’azzardo, che crede di conoscere i “trucchi del gioco” e non si rende conto che sta regalando la propria vita ad aziende che promettono sogni, e che di concreto hanno ben poco.

    • a molti le donne che pensano non piacciono, spaventano, mettono in difficoltà. Forse internet può ancora sembrare un possibile futuro per quanto riguarda il conoscersi, ma gli incontri dal vero, magari spontanei e inaspettati, sono più belli, più veri. Come dici tu, il fatto di star bene con se stessi/e è determinante. Rimane il fatto di aver sempre quel piccolo sogno che riguarda un incontro veramente bello, interessante e, mi pare nel tuo caso, anche intelligente ed empatico. Condivido ovviamente questa visione ed è per questo che il tuo post mi è piaciuto. Per quello che invece riguarda la mia esperienza di incontro attraverso l’uso di questi strumenti direi che non è stata positiva, non mi è congeniale. Non mi piace dover far vedere ed esporre la mercanzia come approccio primario. Mi rendo conto che per sono importanti altri fattori che su internet non è possibile valutare quindi direi che lascio perdere. In ogni caso oggi mi sono interessato a capire meglio per via anche di mio figlio che mi ha parlato di tinder al quale vorrebbe iscriversi e ho voluto capire se poteva essere una cosa che interessava anche me, così sono capitato su questo sito. L’unica cosa valida che ho trovato è l’intento di Simone che mi è piaciuto e il tuo intervento. Per il resto direi che forse è meglio uscire e vedere un po’ di gente vera… quando vinciamo la pigrizia e l’aspettativa di rimanere delusi. Saluto te e Simone

    • I commenti di Marco, poco sopra, cui ho già risposto, e questo di Dani: due perle, due scoperte inaspettate che valgono tutto il tempo speso per arrivare sino alla fine dei commenti.
      Ciao

  19. Ciao a tutti, oggi ho 47 anni e ho iniziato a frequentare il mondo delle chat quando ne avevo 30. All’epoca utilizzavo lycos chat e devo ammettere che mi sono divertito veramente molto, c’erano persone simpatiche, uomini e donne intendo, e ragazze che non se la menavano. Nel giro di qualche mese ho conosciuto almeno 4 ragazze con le quali ho avuto diciamo una “relazione” (N.B. ero e sono sposato e non particolarmente bello, normale e soprattutto non ho mai mentito sul mio stato). C’è stato un periodo in cui, forse perchè ero riuscito ad essere spontaneamente simpatico, erano le ragazze che mi chiedevano di incontrarmi. Negli anni mi sono allontanato e riavvicinato più volte a lycos chat e ogni volta, con tempi un po’ più lunghetti, sono riuscito a “conoscere” qualcuna (a volte c’è voluto qualche mese per agganciare e conoscere qualcuna che mi piacesse e fosse vicina a me) con cui c’è stato qualcosa, durato magari poco. E siccome sono abbastanza esigente, le donne che ho conosciuto sono tutte piuttosto carine. Recentemente ho provato Tinder, ho modificato il mio profilo più volte puntando su diversi aspetti, ma mai mentendo sul mio stato di sposato. Risultato, 3 contatti in 3 mesi, due finiti dopo il canonico “ciao, di dove sei, cosa fai” e il terzo sfociato in una telefonata dalla quale è emerso che lei cercava un compagno e non un amante. Morale, concluso zero, avendo inviato centinaia, forse un migliaio di like. Che dire, credo che riprenderò a frequentare la chat: probabilmente, come altri hanno evidenziato, su Tinder conta troppo l’aspetto estetico ed io non ho elementi particolarmente attraenti, mentre su una chat contano anche molti altri aspetti, soprattutto all’inizio della conversazione, e questo sposta un po’ il criterio di selezione e non ti taglia automaticamente fuori

  20. Mah…io sono un cesso, ma con alcuni siti di dating (brand censurato) ho scopato. La mia ultima fidanzata l’ho trovata lì….ok, era una psicopatica, ma è durata più di un anno.

    Tinder, Badoo, Lovoo ecc mi sembrano siti per gente bella da vedere. Ovviamente tutti si fiondano sulle belle foto, ma poi quando si approfondisce non si trova nulla oltre alla bella faccia, e si ricomincia, ovviamente con i fighi solamente. Poche hanno il coraggio di dar retta ad un rospo, perchè poche vogliono il fidanzato non figo…è come quando si comprano gli abiti firmati, belli da vedersi, ma inutilmente costosi. Tutta apparenza. Si scopa più con Facebook che con Badoo, perchè almeno su Facebook la personalità viene fuori.

    • grazie Marcello per la testimonianza, ho dovuto censurare il brand perché senò mi parte il delirio di spammer che vogliono promozionare il loro sito internet (sta già succedendo da tempo ma non pubblico i commenti che parlano in maniera troppo positiva e decisamente sospetta di alcuni siti di appuntamenti). Per il resto, sottoscrivo tutto ciò che hai detto.

  21. Putroppo mi dispiace smentire le tue considerazioni che si basano solamente sulla tua esperienza come utente. Un dato di fatto è che se non sei un bel ragazzo difficilmente puoi riuscire a trombare con queste app, piu di quanto riusciresti nella vita reale, anzi forse il contrario perchè se se un tipo espansivo estroverso, ma non tanto bello avrai piu successo nelal vita reale dove i rapporti si basano sul modo di relazionarsi, mentre invece sue queste app quello che conta è la foto e il tuo profilo estetico, se per esempio se un timido ma bel ragazzo avrai molte piu possibilita di trombare con queste app. Io sia con badoo che con tinder che con happn ho sempre scopato alla grande in un rapporto di 10 a 1, ogni dieci tentativi una trombata.

    • penso che il riassunto delle nostre avventure sia molto simile: il 90% del successo sulle app dipende dalle foto.

  22. Vado subito al sodo. La tua indagine era perfettamente inutile.
    Ti spiego perché: tutte le app sono configurate per permettere la comunicazione a pagamento. Nessuna ragazza decente e non usarerebbe queste “cagate” di app. Scusa il termine forte. Ma si tratta di “fregature”. Mette le virgolette perché solo una ces… di ragazza si iscriverebbe a queste chat o un matusa sui 50 pure questo non certo piacente! Le foto di ragazze belle e giovani devono essere dei fake. Tra l’altro le pose e i profili si somigliano tutti .Segno che deve trattarsi di profili fake!
    Perchè mai una ragazza decente si iscriverebbe su questi social??
    Hai speso molti soldi per un analisi del tutto inutile se solo avessi riflettuto di più!!!
    La legge di internet si basa sulla regola: niente per niente.
    Infatti sui social gratis puoi trovare ragazze vere e strafighe che puntualmente ti ignoreranno.
    Qualcuno ha fatto anche delle prove inviando 5000 richieste e passa. Altra prova inutile.
    I social sono l’ambiente alienante per eccellenza!!!
    Facebook é configurato per l’alienazione non per socializzare con persone estranee sarebbe meglio dire. La domanda è : perché usare questi social se posso usare un app?
    Semplice perché ci sono milione di persone come te che vogliono fare prove studi perchè si illudono che sia possibile socializzare o rimorchiare o quello che vuoi tu!!
    In teoria sarebbe possibile creare un social per trovare la ragazza eccc. Ma nessuno lo finanzierebbe per i motivi che già ti ho detto. Le ragazze decenti non ne hanno bisogno in generale.Non si crea un social che non genera denaro.
    Un discorso uguale lo ritroviamo negli incontri dating.
    Solo cozze e sfigati o sfigate di turno.
    Essere sfigati non é ostativo ma purtroppo anche qui si possono trovare solo cozze di quintultima categoria.
    Inoltre nei paesi europei il fenomeno rende il discorso un Utopia per motivi culturali. In altre parole tutti se la tirano!
    In altri paesi questo non esiste!

    • Ciao Mario, vedi io sono una di quelle persone che non si accontenta delle idee e dei sospetti, e vuole provare sulla propria pelle.

  23. Ciao Simone,
    ho apprezzato molto la tua ricerca e volevo suggerirti un’approfondimento riguardo a Ciaoamigos. E’ un sito che frequento da un pò e lo considero ,per usare un termine eufemistico, un cesso,frequentato dalla feccia dell’umanità.C’è gente veramente da ricovero che ha bisogno ,non di uno ma di una squadra di psicologi. Il fatto che continuo a frequentarlo è perchè non ne conosco,nè trovo altri simili ed anche perchè la speranza è l’ultima a morire.Nelle tue statistiche c’è un dettaglio riguardo a questa chat che dovresti un pò rivedere ed è sulle donne VERE che la frequentano.La quantità di trans,gay e presunti etero dalle fantasie gay che si fanno passare per donne è abnorme!!! Per non parlare delle “profumiere” donne che ti usano per fare sesso virtuale durante il loro periodo fertile e poi spariscono meglio di bip-bip.
    Comunque sono d’accordo con te sul fatto che la chat negli ultimi anni è cambiata,prima era più facile prendere e sorprendere,ora si da tutto per scontato.In passato ho avuto 4 amanti ,3 delle quali conosciute in chat e sono durate tutte alcuni anni ma adesso la cosa si è fatta più difficile e quando mi vien mal di testa xx rose…e passa.

    • Ciao Giulio, si purtroppo il mezzo è definito dalle persone che lo frequentano. A volte in alcuni casi grazie alla tecnologia si riesce a “moderare” l’istinto peggiore delle persone, altre volte non ci si riesce. Io apprezzo comunque il fatto che per quanto “cesso” resti comunque uno degli ultimi ambienti “gratis” in cui provare a fare conoscenza… che poi questo fatto online sia abbastanza utopico… siamo d’accordo 😀

  24. Ciao a tutti! Qualche riflessione, da uomo navigato ormai, vorrei farla anch’io. Navigato nel senso che ho 36 anni e ho vissuto tutte le fasi dei social, dalla preistoria ad oggi. Ho vissuto la mia più bella relazione con una ragazza conosciuta via web. Ma non pensate ai social tipo facebook, twitter ecc, che neppure esistevano. No, correva l’anno 2006, bastò un sito e una mail a far nascere il tutto. Le foto arrivarono dopo, così come gli incontri, le telefonate ecc. Una bella storia d’amore, che finì non certo per il virtuale. Io credo che facebook e i social abbiano rovinato questo tipo di interazioni umane. I social hanno appiattito lo spazio e il tempo e tutto si consuma nell’immediatezza. Ho apprezzato molto questo articolo perché prende in considerazione le chat IRC che io pure conoscevo, ma che non frequentavo quasi mai. Nel mio caso, nella mia ormai lontana relazione, il conoscersi aveva i suoi tempi, il suo romanticismo: una o due email al giorno, qualche sms (a quei tempi costavano..) prima telefonata dopo 6 mesi di conoscenza, poi incontro, insomma, una storia romantica che oggi pochi avrebbero la pazienza di vivere. Eppure è stato bellissimo.
    Tornando al presente, pochi giorni fa ho iniziato a conversare, su Tinder, con una donna poco più piccola di me. Non sono molto fiducioso sugli sviluppi, per i motivi che tanti qui hanno espresso, ma forse sono io che mi sono iscritto a Tinder non pensando che è un social dove si cerca prevalentemente sesso, che a me, come a tutti, non dispiace, ma io al momento cerco l’amore, sarà che sono un inguaribile romantico e non riesco a scindere il sesso dall’amore. Che dire? Vedremo gli sviluppi. Purtroppo oggi conta principalmente l’aspetto fisico, l’apparenza, lo status. Le donne italiane, si sa, sono le più pretenziose, col risultato che tanti bravi ragazzi, onesti e in gamba si vedono tagliati fuori da un aspetto della vita che già di per sé la rende degna di essere vissuta. E’ un dramma generazionale. Io avrei la possibilità e la voglia di mettere su famiglia, ma oggi diventa tutto più difficile.
    P.S.
    La donna con cui ho avuto quella bella relazione che vi ho descritto si è rifatta viva dopo 8 anni, lo scorso autunno, pretendendo di ritornare assieme a me. Non me la sono sentita. 8 anni sono tanti e certe cose richiedono tempo. E’ tutto troppo difficile. Vi auguro di avere maggiore fortuna di me. Vi farò sapere se con la ragazza conosciuta su Tinder ci saranno sviluppi significativi. Forza e coraggio ragazzi, se non altro, cerchiamo di non perdere la dignità e di essere persone migliori! Un saluto a tutti!

    • ciao Ciccio, grazie per la bellissima storia. Penso che la predisposizione all’innamoramento ed al tempo che questo immancabilmente richiede non dipenda dal “media” o dall’epoca storica, ma dal numero e dalla qualità di esperienze vissute da ognuno di noi. mi spiego: innamorarsi è splendido, ma è anche distruttivo. Quando il rapporto finisce, ci viene tolta una parte di noi alla quale avevamo dedidato speranza, amore, impegno… anima. Questa dedizione per coltivare i rapporti sarebbe sacrosanta anche nella nostra epoca, eppure è possibile anche oggi, se solo accettassimo il rischio di soffrire ancora, una cosa dalla quale chi non è alla prima esperienza… scappa.

      Non a caso tanti “corsi” di seduzione ruotano attorno al fatto di “rimettersi in gioco”, accettando i rischi che questo comporta. A me è capitato recentemente di innamorarmi una seconda volta e devo dire che è splendido e bruciante, esattamente come la prima volta. Cancella tutto il mondo attorno, e ti fa brillare l’anima… eppure anche in questo caso il rischio scottatura è dietro l’angolo… perché non è detto che ci sia sempre la possibilità di essere ricambiati.

  25. Non avete parlato del fattore economico.
    Uno può anche andare in bianco ma poco importa se la spesa è piccola.
    Il problema è se la spesa è più alta e soprattutto se una volta pagato ed esaurito il credito questi signori ti obbligano a pagare di nuovo!!!
    Simone puoi darmi ragguagli su ciò?

    • ciao Zio, in generale per tutte queste piattaforme paghi per una “visibilità” verso un pacchetto di donne interessate a fare coppia. Il problema è che:

      1) non si sa quante siano in realtà le donne vere, dato che in ogni piattaforma molti profili femminili sono finti
      2) paghi per una visibilità “relativa” che non obbliga nessuno a risponderti (per cui se i tuoi messaggi sono “scarsi” magari ti trovi a pagare e comunque nessuno ti fila)
      3) quando smetti di pagare smetti anche di avere il 90% della visibilità

      quindi in pratica puoi pagare, e in quel periodo aumenti le tue probabilità che il tuo messaggio venga letto… che significa ben poco in un contesto in cui ogni donna riceve decine o centinaia di messaggi e finisce semplicemente per “decidere” velocemente in base all’estetica spicciola o in base all’effetto emotivo che le frasi che scriviamo hanno nei pochi secondi dedicati alla lettura.

  26. Ho cercato svariate volte su internet un forum dove si parlasse di questo argomento che io reputo essere molto interessante ed attuale. La mia ricerca però finiva quasi sempre in siti che dovevano pubblicizzare o vendere qualcosa e quindi anche gli stessi contenuti sull’argomento perdevano di sincerita e veridicità. Finalmente oggi ho trovato questo sito che raccoglie le molteplici realistiche esperienze che potrebbe fare chiunque si sia avvicinato al mondo delle chat. In base alla mia esperienza reale posso dire che le ragazze in chat a mio parere sono quelle che nel mondo reale hanno qualche difficoltà, lo stereotipo della tipa grassoccia che se la tira calza a pennello. Io non so se inventeranno mai una chat priva delle problematiche tipiche sopra esposte, ma di certo mi sento di consigliare a tutti di prendere la chat come un qualcosa che non puo portare la stessa qualita degli incontri che per esempio si potrebbero fare di presenza, pertanto vi invito a uscire di casa, frequentare posti e gente vera, in giro la probabilita di incontrare ragazze che se la tirano meno in proporzione alla loro qualità credo sia piu alta che in queste chat. Complimenti soprattutto a Simone che grazie a questo blog ha permesso di condividere un problema molto comune. Saluti.

  27. Disiscritto oggi da punga.club. E’ una truffa.
    Crei il profilo e inizi a scrivere a una donna. Stranamente ti risponde immediatamente, bene, continui a chattare e inspiegabilmente finiscono i punti conversazione. Ok ricarico, continui a chattare e cerchi di andare al sodo; lei continua però a porti delle domande a cui te devi dare delle risposte. Finiscono i punti e perciò credito, paghi, inizi la conversazione e il ciclo si ripete all’infinito.
    Bel meccanismo vero?! Eh?!

    Questi social network vanno controllati, se non conformi alle leggi vanno oscurati immediatamente dai provider.

  28. Ottimi spunti e tutto molto vero qui in Italia. Ma avete provato a usare Tinder a S. Pietroburgo, Mosca o altri paesi dell’est? Quelli sommersi di like senza riuscire più a stare appresso all’infinità di contatti diventiamo noi maschietti…

  29. Ho letto tutto con molta attenzione e ringrazio Simone per aver aperto questo argomento che per molti è ancora tabù… Per la serie ‘si fa ma non si dice’.
    Spero di non essere visto come un intruso fuori luogo.
    Forse potrà essere utile anche la mia testimonianza perché sono dichiaratamente gay e credetemi che le le problematiche e le difficoltà sopra descritte dai vostri commenti valgono anche nel mio ambiente al 100%. Pieno di siti fake che mostrano al 90% foto rubate da Facebook soprattutto dove si intravvede un po di nudità o comunque qualche forma di erotismo. Ovviamente tutte foto ‘decapitate’ raramente mostrano il viso, e dove c’è il viso al 70% è la foto di 20 anni prima. Vi sembrerà strano eppure non se la tirano solo le donne..ma anche gli uomini, se sono molto belli state certi che si tratta di qualche escort bisex improvvisato in cerca di clienti e denaro. Insomma se voglio instaurare una conversazione intrigante e interessate lo devo fare in pochissimi siti esteri dove sono molto più open mind e meno bigotti. Purtroppo il problema è come sempre la distanza geografica… e spesso anche la barriera linguistica – malgrado io parlo e scrivo correntemente tre lingue italiano compreso – spesso si è fraintesi anche se siamo della stessa madre lingua figuriamoci quando non afferri una simpatica battuta o modi di dire tipicamente locali (i dialetti non ci sono solo in Italia).
    Sono costretto a ripiegare on line per la ricerca di un incontro perchè sono completamente assorto dal mio lavoro che amo e non trovo il tempo per frequentare ambienti gay (che tra l’altro non mi piacciono).
    Tornando agli incontri on line la vedo dura… Ormai tutti i siti bene o male sono strumenti finalizzati a spillare soldi, e sicuramente con ottimi incassi visto il gran numero di persone alla ricerca di amore o sesso che è un mercato che non conosce crisi economiche.
    Di nuovo congratulazioni per aver aperto un argomento così interessante e attuale di cui si parla troppo poco.
    Ad majora a tutti Voi.

  30. Ottima analisi.
    Se posso, vorrei raccontare volentieri la mia esperienza.
    Premessa: non sono mai stato fidanzato e non ho mai avuto frequentazioni con nessuna in ormai quasi 32 anni di vita.
    Motivo? Un mix di varie cose. Carattere solitario, mancanza di amicizie, mancata frequentazione di ambienti dove si socializza; aspetto esteriore tutt’altro che invidiabile e decisamente anonimo e insignificante; atteggiamento da debole e da perdente.
    L’impossibilità di conoscere donne nella vita reale mi ha portato due anni fa a provare questo genere di siti: Happn per 6 mesi, Lovoo per 4 mesi, Badoo per un mese, MeetMe per 3 mesi.
    Non che sperassi di dare una svolta alla mia vita, anzi, sapevo bene che non sarebbe servito a molto. Non mi facevo illusioni.
    E infatti così è stato. Nell’arco di quell’anno ho sperimentato varie applicazioni mettendoci la mia faccia, e i risultati sono stati decisamente deprimenti.
    La cancellazione in ognuno è stata l’unica logica conseguenza: non aveva senso insistere ulteriormente. Era solo tempo sprecato e una fonte di inutili insoddisfazioni.
    Avrò cercato di contattare almeno 2000 profili di ragazze, ottenendo meno di una ventina di risposte, tra cui una mezza dozzina a provocazioni fatte appositamente per cercare almeno una risposta. Le poche che mi avevano risposto erano ragazze abbastanza sciocche o fake, che non avevano alcun interesse per me, se non per darmi una risposta a un messaggio che magari mi era venuto particolarmente bene.
    Non ho mai incontrato nessuna dal vivo, e non c’è neanche mai stata l’occasione per organizzare un appuntamento.
    Così, preso dall’insoddisfazione e anche dalla frustrazione, ho deciso di abbandonare questi siti: non li ho più provati da allora e non ho nessuna intenzione di ricascarci, anche se sono perfettamente consapevole del fatto che (sulla carta) potrebbero essere la mia unica opportunità per poter interagire con delle donne o per conoscerne qualcuna. In fondo, ne basterebbe anche una sola, se fosse quella “giusta”. Ma la verità è che è utopia pensare di trovarle lì dentro.
    Questi siti sono pieni di profili falsi, di ragazze che sono lì solo per cercare like, e di ragazze che cercano solo i super-fighi senza cervello. Se purtroppo sei solo “normale”, non per forza brutto, per queste ragazze non vali nulla e non meriti di essere nemmeno considerato.
    Non ha senso perdere il proprio tempo e il proprio benessere interiore per questo genere di stronze che la dànno solo agli altri.
    Questi siti lo sanno benissimo che le donne si comportano così e quindi fanno di tutto per spennare quanti più polli possibili. Io per lo meno non ho mai buttato via un solo centesimo per queste frivolezze.
    Non mi importa più se sarò destinato a restare da solo per tutta la mia esistenza, l’unica via per uscirne era tramite queste applicazioni che potevano abbattere i miei limiti e le distanze. Ma purtroppo non funzionano.

  31. Ciao,é incredibile come una tua indagine fatta nel 2008 ad oggi riceve ancora commenti, ti faccio i miei complimenti per i tuoi studi e le tue esposizioni, beh, non faccio testo sono na cessa,a ho imparato ha farmi un giro di scopamici con forte senso dell’orrido, sono stata fortunata sono educati sia quando ci divertiamo e anche quando non si riesce a concludere per motivi vari…se non riesci a prendere sonno o hai un alza bandiera interessante, chiamami…bel lavoro ancora

    • ciao Selly, grazie del commento. Penso che in tanti anni tu sia la prima donna che scrive! Se l’articolo è ancora letto e commentato penso che semplicemente la situazione non sia cambiata 🙂

  32. Mi sono iscritto a badoo da poco perché ne ho sentito parlare e ho voluto provare, ho attivato superpoteri e altro a pagamento, ma niente…non risponde nessuna ragazza. Per me badoo è una cagata pazzesca!

  33. Muoiooooo sei un mito! secondo me cucchi di più qui caro mio! Esponendo la tua ricerca scientifica con tanta ironia.
    Mi son divertita grazie 🙂

    • ciao Marina, veramente se dovessi mettere a grafico gli appuntamenti nati con questo sito avrei seri problemi, in quanto siamo allo zero assoluto. Però mi fa piacere ti sia piaciuto l’articolo 🙂

  34. Ciao, volevo farti una semplice domanda riguardo all’applicazione Tinder…
    Quando faccio le ricerche mi escono solo gli utenti on line o tutti gli iscritti con le caratteristiche impostate da me?

    • Penso tutti gli iscritti, indipendentemente dalla presenza online. ciao! 🙂

  35. il tuo articolo é interessante ma nella tua analisi hai dimenticato un fattore importante che secondo me mette in discussione almeno in parte i risultati della stessa e cioé il Paese di origine in cui si chatta. Vivendo e lavorando in Germania e in Olanda oltre che in Italia , ho potuto verificare che per 10 iscritte italiane ve ne sono 50 tedesche e almeno 200 olandesi. In Olanda soprattutto Tinder é un fenomeno di costume, ci sono veramente tutti. Quello che conta peró all`estero é che questi siti sono veramente usati per quello a cui dovrebbero servire e cioé a incontrarsi; quello che avverrá dopo, un caffé , una notte di sesso , l`amore della tua vita , lo si vedrá dopo. La percentuale di risposte é comunque sensibilmente piú alta. In Italia invece questo mezzo é ancora visto come qualcosa di sconveniente, l`educazione online é scarsissima, ad esempio non ti rivolgeresti mai in maniera maleducata o facendo allusioni sessuali a una persona che hai appena incontrato al bar o a una festa, o non spariresti mai all`improvviso senza salutare o senza rispondere all`ultima domanda che ti é stata rivolta. Credo quindi che per un maggior successo nell`uso di questi mezzi dovrebbe innanzitutto cambiare la nostra mentalitá e il nostro approccio , impresa quasi impossibile soprattutto man mano che si scende nel sud della nostra Nazione.

    • Ciao Giuseppe, se vuoi fare uno studio cross-country te lo pubblico! 😀

  36. Ciao Simone, grazie per il tuo sbattimento e complimenti per tutti i dati che hai ricavato. Sono riuscito a chiavare una sola volta (insomma.. chiavare, parola grossa, impacciata come un manichino) e ci sono voluti due mesi di recita. Attualmente la fauna su Tinder è composta al 90% da russe e travoni, passo e chiudo!

    • Ciao Luca grazie per la testimonianza, l’amore è pur sempre anche una lotteria piuttosto strana a cui giocare 😀 ma penso che se in fondo, cercando di essere sinceri (anche con noi stessi) tutta questa marea di approcci con sconosciuti/e prima o poi poterà a qualcosa!

  37. porca miseria! che dire? avete detto tutto mi pare..

    Sono su Tinder da tre o quattro giorni e per poter mettere almeno i like a volontà sposto la data del telefono al giorno successivo.
    Risultato: 4 corrispondenze di cui 2 cesse e 2 carine con cui mi sono scritto su whatsapp dopo aver chiesto i rispettivi numeri e delle quali una ha paccato l’appuntamento (per fortuna non all’ultimo minuto), dicendo di essere a letto con la febbre e l’altra, con la quale avrei dovuto uscire stasera, ha tergiversato un po’ sul fatto del se fidarsi o meno (dicendo d’aver avuto brutte esperienze in precedenza), cosicché le ho fornito il mio nome profilo fb, la mia posizione (dove abito) e ho fatto il possibile per non apparire un maniaco sessuale. Quest’oggi ci saremo dovuti vedere prima in pausa pranzo, poi per un aperitivo e infine per il dopo cena (lei ha spostato per tre volte l’appuntamento). Risultato: sparita nel nulla, almeno per ora.

    Per non saper né leggere né scrivere ho anche happn (rivedi chi hai incontrato), ma penso che vada bene solo in città.

    Spero di riuscire a chiavare bene con intenet presto ragazzi e auguro il meglio a tutti voi!

    10 Anni di commenti porcoidddiooooooo

    • Ciao Marco grazie per la testimonianza! Mi spiace un po’ per il bestemmione finale che potrebbe dar fastidio a qualcuno ma ahimè… anche questo è libero arbitrio 🙂

      Andiamo al punto: le relazioni che iniziano online non sono relazioni “normali”. Si parte da un livello di sfiducia istintivo e soprattutto un basso livello di rispetto reciproco. Gli uomini tendono a rispettare pochissimo le donne, e viceversa le donne rispettano poco gli uomini. Le mancanze di rispetto possono essere di tanti tipo, dal classico “pacco”, al semplice dire bugie sulla propria realtà (se noti moltissime scrivono nella descrizione “no sposati” come se uno che volesse tradire leggendo la descrizione pensasse “ah ok, allora non la posso contattare”). Ci sono anche altre mancanze di rispetto, dal mandare foto osée (un classico su Badoo) fino agli insulti diretti se una persona non risponde. Sono tutti retroscena dovuti all’assenza di feedback diretto.

  38. Ciao a tutti, ottima discussione, non facile in tempi come questi e su un tema così pruriginoso 🙂
    Ho provato Lovepedia, mi ha scritto una russa ma ancora non ho capito se sia finita o meno… per ora ci stiamo scrivendo emails… Poi ho visto rimorchiando.com: bei profili (forse molti finti) ma per comunicare ovviamente chiedono di pagare, qualcuno lo conosce e ha avuto qualche esperienza? Infine soloavventure, che mi pare la classica truffa…
    Credo che, anche dai vostri commenti, non esista un sito (quindi escludo app) solo che sia valido… E le ragioni le avete spiegate benissimo… Poi può essere vero che standoci dietro si possa concludere, ma probabilmente è meglio farsi un giro e conoscere dal vivo… Al massimo diranno di no 🙂
    Saluti a tutti e chi ama la fuga, alzi la ruga!

    • Ciao Alfonso, sinceramente sul social il 99% del tuo successo dipende dalla tua bellezza percepita. Se hai belle foto puoi andare ovunque e aspettarti un tasso di risposta discreto (di solito 15%). Il punto dei vari social “alternativi” resta comunque la presenza di donne. Prova a metterti nei loro panni, perchè dovresti perdere tempo per andare su un social alternativo quando già su Tinder avrai molti più match di quelli che potrai gestire? Semplicemente… non ci vai.

  39. A questo punto scrivo anch’io la mia esperienza.
    Separato, con poco tempo causa prole e troppa ruggine per rimettersi in gioco nella vita reale, ho riprovato il virtuale a distanza di anni. Quindici anni fa, per dire, caddi nella rete della chat piccante di Mtv (ebbene sì, il sito di Mtv aveva una chat “piccante” e un po’ di sesso virtuale ce l’ho anche rimediato, mai diventato reale perché si trattava di ragazze che stavano mediamente a 300 km di distanza da dove vivo). Poi smisi perché nel frattempo avevo trovato quello che pensavo sarebbe diventato l’amore della mia vita.
    Ad ogni modo, provo Tinder. Qualche match, conversazioni stanche e stantie, dovute principalmente al fatto che, come dice giustamente simone, noi apriamo l’app e troviamo un messaggio se va bene, le donne la aprono, mettono like a caso (spesso durante un viaggio in metro o mentre aspettano l’amica in ritardo per un pomeriggio di shopping, o in un momento morto al lavoro) e si ritrovano 50 messaggi, o banali o ridicoli (e credo sia complicatissimo non scadere nel banale e nel ridicolo) o peggio volgari. La prima compatibilità per dire, viene annullata nel momento in cui mando un messaggio sincero e per nulla sconveniente, forse un po’ sfigato, ma non mi sembra… “sei la prima ragazza con cui chatto qui”. Considerato che la compatibilità l’aveva messa per la prima volta lei, non mi sembrava così assurdo. E, a proposito di educazione, io ho sempre chiuso le chat in cui non mi trovavo più a mio agio con un saluto, fosse anche un “mi pare che non sei interessata, fa niente, buona giornata”. Ma evidentemente appartengo a un’altra epoca (e ne sono orgoglioso).
    Mi dico: su Tinder c’è troppa concorrenza. La lascio lì, riesco ad avere persino un super-like (da una che probabilmente verrà scritturata per la prossima stagione di “Malattie imbarazzanti”), ogni tanto viene fuori qualche match, ma niente, nessuna risposta.
    Allora vado sulle app più settoriali. Per inciso, il motto è “non sborso un centesimo”. Già faccio fatica ad arrivare alla fine del mese, capirai…
    Provo badoo. Appena installata subito richiesta soldi. Disinstallata.
    Provo once. Mi chiede un altro po’ perfino quanti peli ho là dove non batte il sole. Disinstallata.
    Provo Lovepedia. Prima mi arriva un messaggio che dopo qualche ora viene censurato dallo staff per evidente spam; poi un altro con una certa amelia che mi chiede la mail perché lei non usa il cellulare e lavora tutto il giorno sulla mail per cui è più facile. Le do una mail che uso pochissimo, la classica mail civetta. Conversazione che va avanti 24 ore, poi mi dice “se vuoi vedere le mie foto clicca qui” e giù un sito. Registrazione gratuita. Chat che dopo 5 messaggi diventa a pagamento. Comincia uno spamming ai limiti dello stalking, che tuttora continua sia su quel sito, sia sulla mail. VENTI GIORNI. Non credo sia un robot, o se lo è è particolarmente intelligente, perché risponde a tono anche a messaggi particolari. Ma mi sto divertendo da morire per l’insistenza.
    Altro contatto su Lovepedia, silenzio assoluto. La maggior parte dei profili o sono autentici cessi a pedale (con tutto il rispetto) oppure sono inattivi da mesi e mesi.
    Disinstallata.
    Mi dico: ultimo tentativo. Lovoo. E qui accade l’impensabile. Do il like a una tizia, iniziamo a chattare e (non ci volevo credere) inizia una bellissima conversazione. Questa risponde, mi cerca, mi da il numero di telefono, mi dice fin da subito che non è interessata a a una relazione ma solo a qualche incontro di sesso, abita pure vicino casa mia.
    Tutto talmente facile che mi vengono i dubbi più assurdi. Passiamo quasi subito a whatsapp. Venti giorni di conversazione, incontro chiuso con reciproca soddisfazione e replicato. Tutto all’insegna della massima leggerezza. Poi è andata male (perché io sono rimasto leggero, lei no).
    Ho continuato su lovoo, non si va oltre risposte evasive/monosillabiche. Mi piace pensare che abbia ragione l’unica che mi ha visto dal vivo: “sei la persona meno fotogenica del mondo”.

    • Ciao Brus. Sai che io ho aperto un blog esattamente per poter leggere storie come la tua? Grazie per aver dato un senso a tutti questi anni di hosting, aggiornamenti e html 🙂 Per quanto riguarda la chiusa finale è molto semplice: siamo nell’epoca dell’immagine, se hai un amico fotografo puoi cuccare su qualsiasi social network. se non cel’hai… no. Dopo tanti anni (si ormai sono tanti) di reti sociali sono arrivato a questa semplice e incredibile conclusione, provare per credere. La “fotogenia” o meglio risultare bene in foto è una derivazione diretta del nostro ego. Più ci piaciamo, più siamo tranquilli di fronte all’obiettivo, più risultiamo attraenti per le persone. Il problema… è che le persone a volte potrebbero anche essere interessate a qualcos’altro che non sia la pura estetica.

  40. Io ragazzi non so voi, su badoo, tinder, mi ci dedico un paio d’ore al giorno e la trombata settimanale la trovo sempre, ormai da anni faccio così.
    Basta saperci fare, ne ho timbrate decine e decine

  41. Ciao ragazzi vi racconto la mia esperienza ( sincera ) a gennaio “torno” single e provo per curiosita’ la app TINDER, risultato da gennaio ad aprile 2 trombate con 2 belle fighe e pure serie come ragazze ma dopo un po’ le scarico tutte e due ( la colpa e mia che sono un Peter Pan ) in piu’ avevo altri contatti ( le piu fighe le ho spostate in fb ) che poi disistallando ho perso, di media ogni settimana avevo 3/4 cuoricini con cui potevo chiaccherare e ribadisco che non ho usato la formula a pagamento. Fondamentale sono le foto quindi se sei figo e fisicato e facile cuccare perche purtroppo e quello che cercano su tinder le donne. La mia risposta alla domanda si tromba su TINDER quindi e si… pero’ ribadisco che sono un tipo bello e fotogenico quindi per me sei figo e fisicato concludi alla grande se no la vedo dura anche perche altri amici la usano da anni e non combinano un caxxo. Oramai le donne sono diventate peggio degli uomini e la maggior parte cercano quello che cerchiamo noi ( bel culo, magra bel viso, belle tette ) Lo so che non e’ bello come discorso ma e’ la realta. A settembre la reinstallo e vediamo cosa salta fuori. Insomma per un tipo come me e’ il paese dei balocchi sta chatt, non devo neanche sbattermi a conoscerle, me le ritrovo alla mattina quando accendo il tel. P.S. Badoo non lo mai provato.

  42. Ciao Simone. Puoi dirmi qualcosa in più di quella guida di Reborn che citi nel post? Visto che è piuttosto cara volevo capire se a tuo parere è davvero una lettura utile. Grazie!

    • Tutto utile se letta con atteggiamento positivo e di cambiamento rispetto alle abitudini. Non penso sia la “bibbia del rimorchio” come l’aveva scritta Strauss qualche anno fa.

  43. Salve a tutti,iscritto da 2 anni circa su Badoo,confermo quello detto da altri, c’è molta superficialità,maleducazione,anche da parte delle donne , non solo gli uomini…però qualcosa di buono ogni tanto esce…ho incontrato solo una donna ma senza che ci fosse nessun seguito…però ho messaggiato per alcuni mesi con un paio di donne in amicizia, una prof. della scuola media e una commercialista, ma se ci fosse stato più interesse da parte mia ci poteva essere altro… la morale mia è ci vuole tanta pazienza senza essere collegato h24…diciamo che dalle donne di bassa coltura difficilmente nasce un amicizia, quelle sono le tipiche che ti rispondono un paio di volte magari a monosillabe o poco di più e poi ti snobbano….a meno chè sei parecchio piacione…non si soffermano sulle qualità delle persone,badano soprattutto all’estetica…comunque il parere mio è non positivo ma neanche troppo negativo, se pò fà….ciao da Beppe

  44. Ciao Simone, complimenti per le osservazioni non banali e mirate sui siti di dating. Ho maturato parecchia esperienza con tali app, soprattutto Tinder, giungendo all’idea che l’immagine conti al 95 %, per poi giocarsela con approcci simpatici e non banali.
    Perdonami se non ho letto tutti i commenti, davvero troppi.. Desideravo evadere una curiosità: hai utilizzato una sola foto profilo scattata da un professionista oppure erano tutte aiutate da una mano sapiente?
    Seduzione digitale ha veramente cambiato il successo o è solo una marchetta per l’autore? 🙂 In un orecchio puoi dirmelo senza problemi 🙂

    • Non tutto quello che scrive è condivisibile e l’approccio alla semplice seduzione a volte è un po’ limitante, ma penso sia un’ottima lettura per andare comunque nella direzione in cui ci si mette in discussione e si ha veramente voglia di sentire cos’hanno da dire le donne… e ne hanno tante da dire 🙂

  45. caro Simone quello che dici sulla fotogenia è verità assoluta e l’ho sempre pensato anch’io
    del resto è anche abbastanza ovvio, chi come il sottoscritto non ha granchè autostima o evita scientificamente l’obiettivo o se ci finisce dentro si chiede a posteriori: ma sono veramente io?
    la mia esperianza è passata per alcuni siti veramente ridicoli, ma ci tenevo a ravanare nel torbido, è il caso di dire:
    amici segreti
    scopamica
    disinibite
    soloavventure
    su questi ritengo il 99.9% dei profili sia fasullo
    anche se non sarà questa la vera percentuale se mai esistesse qualche donna reale che si sia registrata molto probabilmente in pochi giorni si è stufata e non entra più o se entra lo fa per cinque minuti trovandosi sommersa di cazzate
    sono stato bombardato ovviamente da messaggi scritti palesemente in modo sgrammaticato (io non ho molta esperienza in questo senso, ma immagino siano robot) tutti chiedevano immediatamente e senza girarci troppo attorno la mail per scrivere poi quelle due o tre boiate prima di mettere il solito link per fare la celeberrima cam “che mi serve perchè non faccio incontri al buio e ho avuto brutte esperienze” come se vedere una faccia nello schermo di un pc ti metta al riparo
    tra parentesi vorrei vedere la faccia di chi cade in questi tranelli, bisogna disconnettere completamente il cervello, eppure se ne girano a questi livelli qualcosa ci ricaveranno
    qualche altro messaggio invece era vagamente più discreto e se non al primo te la chiedeva al terzo o quarto messaggio
    l’unico sito serio che ho usato è meetic ma anche lì pur avendo, ritengo, curato molto la presentazione moltissimi tentativi sono rimasti vani
    molte si vede che ti scrivono proprio perchè non hanno di meglio da fare e la cosa triste è che quando sei donna se lo possono permettere persino i profili di persone senza foto
    (un uomo non avrebbe di contro nemmeno un contatto)
    dopo generalmente uno o due giorni di conversazione magicamente spariscono senza troppi complimenti, a questo proposito condivido pienamente il commento sopra in cui si dice che non costerebbe niente avere almeno la decenza di chiudere con una riga o due di comiato ma tant’è, si sa che questi strumenti avvallano qualsiasi mancanza di rispetto e umanità, persino le norme più elementari
    a parte questo alla fine un paio di contatti con una conversazione interessante e lo scambio di mail o cellulare ci sono stati
    con una ci sono anche uscito
    era una ragazza molto in gamba e certamente tutto meno che brutta ma purtroppo non era il mio tipo
    tirando le somme, che senso ha approcciarsi a questo tipo di mondo per un uomo, specialmente?
    non hai idea del motivo per cui una persona con cui entri in contatto ha deciso di stare lì ma la maggior parte dei possibili motivi non è certo edificante:
    – solitudine e scontento per i soggetti che non si sentono apprezzati dal contesto sociale
    – ulteriore necessità di essere adorato per i narcisisti allo stato puro
    – vestire i panni di un soggetto che nulla ha a che vedere con quello che sei nella realtà per i mitomani
    ecc ecc
    quanto alle donne viziate, ovviamente non ha senso generalizzare però è certamente vero che oggigiorno c’è sempre un che di altero nel modo di fare di buona parte del gentilsesso
    lo si coglie spesso e volentieri semplicemente dal modo di incedere per strada
    ma se c’è una colpa è tutta dall’altro lato
    se tale alterigia fosse sempre ripagata con il rifiuto e l’isolamento questa gente non potrebbe più permettersela
    spesso nelle evoluzioni si passa da un estremo all’altro prima di trovare l’equilibrio così stiamo passando rapidamente dalla società del padre padrone a generazioni di uomini disposti a tutto, persino al sacrificio della propria dignitià personale
    disposti a scodinzolare adoranti per un cenno
    una masnada di persone sentimentalmente ricattabili e chi lo è diventa disposto a tutto
    questo ovviamente perchè bisogna essere in competizione in società anche sulla quantità e qualità delle relazioni
    se c’è una scelta che dovrebbe necessariamente avvenire nella massima serenità e libertà personale, senza alcun condizionamento esterno è quella di una relazione, a prescindere del tipo di relazione
    è inutile poi bestemmiare sperando nell’automoderazione altrui
    ovviamente il proliferare di questi siti e applicazioni esprime appieno questo disagio sociale profondo
    io non sono uno di quelli che vede solo nero, anzi penso che il progresso sociale umano esista eccome ma per raggiungere una società realmente egualitaria bisogna fare ancora uno sforzo enorme nel liberare da certi costrutti mentali che ormai tendiamo a dare per scontanti
    i termini persona normale o comune ad esempio, io li ritengo delle barbarie
    cosa significa? se accettiamo noi per primi l’idea di far parte di una massa informe senza una precisa identità, un volto ben definito e delle proprie peculiarità da valorizzare nella quale qua e la spiccano personaggi eccellenti ci condanniamo da soli
    incasellare tutto secondo gerarchie, classifiche, etichette di merito o demerito
    il razzismo non è tanto nella negazione di un’altra etnia
    è razzismo di parola, di opinione persino di percezione
    quanto è difficile accettare veramente che qualcosa non rispecchi i nostri canoni a priori
    quando l’alterità non sarà più qualcosa da mettere sopra o sotto ma semplicemente al fianco sarà tutto estremamente più facile
    la ricerca della nostra identità che si trasforma in libertà è indispensabile per l’approccio al prossimo
    chi non si sente sereno e in pace con se stesso non potrà mai approcciarsi correttamente per il semplice motivo che credendo di guardare il prossimo avrà davanti sempre la propria immagine riflessa
    scusate non era questo il luogo adatto per fare della sociologia da quattro soldi ma il tema spinge (almeno personalmente) verso riflessioni di un certo tipo

  46. Ciao, da circa una settimana mi sono iscritto a Badoo, così, giusto per provare…il mio obiettivo è “una botta e via”.
    Premetto che non sono un fotomodello ma nemmeno un mostro, mi definiscono un bel ragazzo.
    Ebbene, ho scritto finora a circa una 30ina di ragazze.
    Risultato:
    2 sole risposte da 2 ragazze alle quali ho poi a mia volta risposto e tutto è finito lì.
    1 risposta da una ragazza con cui ho scambiato un bel po’ di battute ma non appena le ho proposto di vederci per un caffè è sparita!!
    A questo punto vorrei capire:
    -dove sbaglio?
    -dove sono su Badoo tutte queste tipe vogliose di sesso?

    • ciao Bhiko28, se non arrivano risposte di solito dipende da due cose
      – quanto è interessante quello che dici dal punto di vista della persona che lo riceve
      – la tua foto (nel caso valuta foto nuove o servizi di bravi fotografi)
      e poi… tieni duro, sui social ci vuole un po’ di tempo prima di capire veramente come funzionano i dialoghi tra sconosciuti, io ci ho messo vari anni!

  47. frequento internet e le messaggerie dal 1995 Una delle prime fu Supereva . Ho perso il conto degli incontri andati a buon fine. Bisogna saperci fare Vi saluto cari pivellini patroclo

  48. Ciao a tutti. io sono una donna single di 44 anni senza figli, cioè una zitellaccia come direbbe qualcuno. In realtà io non mi sento affatto così. La mia vita è ricca di interessi e di cose da fare. Sono rimasta “sola” un pò perchè ho avuto storie sfortunate ( mi sono sempre piaciuti i tipi difficili lo ammetto ) e un pò per naturale propensione alla vita solitaria. Non disdegno affatto il sesso, compreso quello senza impegno, non ho nessun problema a dirlo pur vivendo in Italia e pur vivendo in un posto bigotto ( mi ricollego a quello che diceva qualcuno ). Ero così anche quand’ ero più giovane, nel senso che mi è sempre piaciuto vivere senza tante paranoie. Per esempio sono una di quelle rare donne che se gli piace uno prendono l’ iniziativa ( certo in maniera elegante e poco sfacciata, questo si ). Confermo anche il fatto che le donne emancipate come me sono giudicate male da molta gente, sembra che la nostra libertà dia terribilmente fastidio. Una volta ci stavo male per questo, ma ora non mi importa più niente delle chiacchere e delle maldicenze di gente gretta ottusa e irrisolta, che cerca solo un capro espiatorio per smaltire le proprie frustrazioni. Questa mentalità però è diffusa a causa degli stessi uomini che, spiace dirlo, fanno ancora una netta distinzione tra donne che considerano “da matrimonio” e donne che secondo loro sono solo “da letto” ( cioè appunto quelle che vivono senza troppi schemi ). Quindi non vi potete stupire se le donne stanno ben attente a non fare passi falsi che potrebbero compromettere la loro nomea. Chiaramente, sia che cerchi una relazione seria sia che cerchi solo svago, è sottinteso che con uno ci vai perchè ti piace. E questo vale ovviamente anche sui siti di dating. Quindi non so perchè alcuni maschi poco attraenti si stupiscano tanto del fatto che in quegli spazi riscontrino le stesse difficoltà che trovano nella vita reale. Negli incontri dal vivo anzi uno potrebbe giocarsela meglio, metterci anche la simpatia, il carattere, la “creatività”, mentre nei social per incontri ti scelgono davvero quasi solo esclusivamente in base alle tue foto. E io parlo da persona di bell’ aspetto, che ancora oggi non fa fatica a rimediare chiunque desideri al momento in cui lo desidera. Sono una persona privilegiata rispetto a tanti e tante di cui leggo le storie, lo riconosco. Eppure, anche se per me quei siti sarebbero vere e proprie miniere d’ oro ( mi basterebbe mettere le mie foto mentendo sull’ età tanto ne dimostro almeno 10 in meno ), preferisco tornare alle conoscenze in real life, al parlare con una persona dal vivo, magari approcciandola per strada o agli uffici pubblici o in qualche altro contesto inaspettato. Vuoi mettere l’ incontro inatteso, la magia dell’ elemento sorpresa, il vedere il volto dell’ altro che letteralmente si illumina dallo stupore e dal compiacimento perchè non si aspettava un approccio in quel momento e in quel posto? Altro che la piattezza di una vetrina virtuale che banalizza tutto e rende queste cose molto meno accattivanti ed eccitanti di quello che invece dovrebbero essere. Sarà la mia età ormai “avanzata”, sarà la mia nostalgia per gli anni 80/90.. ma che vi devo dire.. a me queste app non mi convincono, non mi sono congeniali. Preferisco conoscere le persone NELLA VITA. Magari al supermercato, in biblioteca, sul treno o in ascensore visto che per i locali e le disco ormai sono vecchiotta 🙂

  49. Fantastico! Oltre 10 anni di commenti fa capire come funziona questo mondo

  50. PER ME MARCO HA SPESO CIRCA 200 EURO 50,00 AL COLPO E PENSO CHE SIANO STATE ORIENTALI , LE ALTRE COSTANO DI PIÙ !

  51. Ma è vero che sia veramente tutto gratis oppure è una bufala mia domanda è veramente affidabile? Sono solo curioso è la prima volta e sono nuovo

    • Se vuoi contattare chi vuoi, prima o poi ti tocca pagare 🙂

  52. IN CONCLUSIONE LA SINCERITA’PAGA SEMPRE E TUTTO STA SE SEI CORRISPOSTO X QUELLO CHE VUOI….

  53. ragazzi sentite me..uscite di casa..si scopa…è semplice..basta sedersi in piazza e/o fare in giro..cosa cazzo volete che senta la donna da dietro uno schermo…l’energia,il testosterone..lo devono sentire..e vedrete che ne verranno attratte naturalmente senza che aprite bocca..basta una doccia e un pò di profumo e meno seghe..poi se cercate una relazione è diverso..ma vedrete che quanto iniziate ci prendete gusto,si alza l’autostima e non solo…ciao sfigatiii

  54. Per la mia esperienza a Londra con tinder si tromba tutti i giorni mentre in italia 0

  55. La mia esperienza: non è vero che uscnedo di casa i sedendosi in piazza conosci e trombi, a me in 48 anni non è mai capitato, e dire che ci sono stato molto a lungo.
    Internet, sì, ci ho conosciuto alcune ragazze in passato, con una mi ci sono persino fidanzato. MA sull’internet di 20 anni fa, ovvero ICQ, Digiland, e poco altro, cose che oggi non esistono più. Non certo sull’internet attuale, dove il risultato è ZERO ASSOLUTO. E ‘ diventato come la realtà, ci sono tutti e nessuno vuole saperne, a meno che a voi risulti conoscere persone al supermercato. In questo caso perché non andate al supermercato?
    O a meno che non sei uno figo, quindi ancora, a che ti serve? Conclusioni: è tutto perfettamente inutile, rassegnatevi. 🙂

    • Ciao Roberto, la rassegnazione non porta a nulla, provare e riprovare invece… per quanto sfiancante all’inizio, da ottimi risultati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *